Castità, Papa Francesco incoraggia i giovani a prenderla in considerazione

Mercoledì 18 Novembre 2020 di Franca Giansoldati
Castità, Papa Francesco incoraggia i giovani a prenderla in considerazione

Città del Vaticano - Elogio della castità. Il Papa, nel corso dell'udienza generale via streaming dalla Biblioteca Apostolica, ha rivolto un appello ai giovani di tutto il mondo affinché sappiano rispettare il corpo della donna. Rivolgendosi ai telespettatori di lingua polacca, Francesco ha osservato: «Oggi in Polonia ricorre la memoria liturgica della Beata Karolina Kόzka, vergine e martire. A sedici anni subì la morte per martirio in difesa della virtù della castità».

Con il suo esempio, «ancora oggi indica, specialmente ai giovani, il valore della purezza, il rispetto per il corpo umano e la dignità della donna. Affidatevi alla sua intercessione, perché vi aiuti a testimoniare con coraggio le virtù cristiane e i valori evangelici».

 

Giovanni Paolo II, un rapporto getta ombre sul Papa polacco. Il Nyt: «Santo troppo presto»

Morto il cardinale polacco punito (tardivamente) per abusi: non sarà sepolto in cattedrale

 

 

<h2>«Andare controcorrente»</h2>

 

Non è la prima volta che Francesco affronta il tema della castità rivolgendosi ai ragazzi. A Torino, cinque anni fa, chiedeva di prendere avere il coraggio di andare controcorrente. Parlando dell'amore invitava a fare scelte radicali: «l’amore è molto rispettoso delle persone, non usa le persone e cioè l’amore è casto. E a voi giovani in questo mondo, in questo mondo edonista, in questo mondo dove soltanto ha pubblicità il piacere, passarla bene, fare bene la vita, io vi dico: siate casti, siate casti».

<blockquote class="embedly-card"><h4><a href="https://www.ilmessaggero.it/politica/zona_rossa_arancione_regioni_puglia_liguria_basilicata_ultime_notizie_18_novembre_2020-5591941.html">Zona rossa: regioni Puglia, Liguria e Basilicata verso la stretta</a></h4><p>ROMA "Al momento non c'è una crescita dell'epidemia, ma forse una leggera diminuzione". Così ieri, Gianni Rezza, direttore generale della Prevenzione del Ministero della Salute, analizzando la situazione italiana nella consueta conferenza stampa di aggiornamento ha acceso una prima flebile luce in fondo al tunnel.</p></blockquote>
<script async src="//cdn.embedly.com/widgets/platform.js" charset="UTF-8"></script>

<div class="flourish-embed flourish-bar-chart-race" data-src="visualisation/2178601" data-url="https://flo.uri.sh/visualisation/2178601/embed" aria-label=""><script src="https://public.flourish.studio/resources/embed.js"></script></div>

Ultimo aggiornamento: 12:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA