Papa Francesco incontra Orban: «Antisemitismo minaccia europea». Il premier: Non lasciare che l'Ungheria cristiana perisca

Domenica 12 Settembre 2021 di Franca Giansoldati
Papa Francesco incontra Orban: «Antisemitismo minaccia europea». Il premier: Non lasciare che l'Ungheria cristiana perisca

Sull'aereo Francesco prende il microfono per salutare i giornalisti che lo accompagnano a Budapest e a Bratislava. Alle prime parole fa sobbalzare tutti dalla poltrona nonostante sia l'alba perché esordisce così: «Questo viaggio ha un po' il gusto del congedo». Pausa. Ma il congedo di cui parla non riguarda affatto lui bensì l'Alitalia. «Ci lascia l'Alitalia».  Poi annuncia che riprenderà a viaggiare intensamente dopo la pausa forzata dovuta al Covid. A novembre con ogni probabilità lo attende Glasgow per partecipare alla Cop26, a dicembre una ipotesi che include Cipro, la Grecia e Malta e l'anno prossimo vorrebbe andare a Compostela, in Spagna.

Francesco, intanto, fa sfoggio di buona forma fisica dopo l'operazione, ha persino ripreso qualche chilo in più. Si dirige nel corridoio a salutare uno ad uno tutti, ridendo, scherzando, parlando a lungo con alcuni. Il congedo al quale faceva riferimento riguarda anche il maestro delle cerimonie, monsignor Guido Marini che è stato spedito a fare il vescovo a Tortona e l'organizzatore dei viaggi, l'africano Dieudeonne Datonou. Anche lui viene mandato in diocesi, cambiato in corsa dopo solo due viaggi organizzati. Lo sostituirà un sacerdote indiano «che sorride sempre».

Il presidente del Consiglio europeo Michel incontro Papa Francesco

 

L'arrivo in aeroporto a Budapest

All'aeroporto di Budapest ad attenderlo stavolta non c'è folla, come solitamente avviene e nemmeno transenne, con la banda, i cori dei ragazzi, lo sventolio delle bandiere ma solo un drappello di funzionari di Stato. Ai piedi dell'aereo il vice presidente del governo di Orban ha  il compito di accoglierlo. Naturalmente una scelta ben precisa e concordata con il Vaticano. Due bambini hanno offerto dei fiori e poi tutti via di corsa fino al centro della città per gli appuntamenti concentrati nelle sette ore di permanenza a Budapest. Praticamente un blitz solo per concludere il Congresso Eucaristico, una kermesse periodica mondiale  che misura la tenuta fede dei cristiani (in una Europa sempre più scristianizzata).

Papa Francesco attaccato dai tradizionalisti francesi: «Messa in latino, cancellata brutalmente la promessa di Ratzinger»

 

 

 

L'incontro con Orban

Al premier ungherese – per il quale Francesco non nutre di certo un feeling particolare in relazione alla politica anti-europea ungherese e soprattutto anti-migranti – il Papa riserva un incontro blindatissimo, all'interno del Museo delle arti, a due passi dalla piazza degli eroi dove celebra la messa di chiusura della kermesse cattolica. Circa 40 minuti alla presenza del cardinale Parolin e del ministro degli Esteri, Gallagher, compresi saluti, lo scambio dei doni, le traduzioni, i saluti e la presentazione dei famigliari. Nessuna televisione, nessun giornalista è stato ammesso dentro la sala. La medesima preoccupazione di tener lontano la stampa per lasciare maggiore libertà agli interlocutori si è registrata anche nel successivo incontro con i vescovi ungheresi, un episcopato che sostiene gran parte delle scelte del premier Orban.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vaticano, in parrocchia per il vaccino niente obbligo: «È un atto d'amore». Ma dalla Cei c'è il pressing

 

Orban sulla sua pagina Facebook ha sintetizzato il colloquio riferendo di avere chiesto al pontefice "Ho chiesto al Papa di non lasciare che l'Ungheria cristiana perisca"

La Chiesa ungherese apprezza, infatti, gli aiuti alle scuole cattoliche, i programmi a favore della famiglia formata da un uomo e una donna, a favore dei cristiani perseguitati in Medio Oriente. Sul fronte delle migrazioni, invece, esiste una evidente spaccatura interna tra vescovi più o meno favorevoli ad accogliere migranti in un paese piuttosto omogeneo e dove la comunità islamica è quasi inesistente. Forse è anche per questo motivo che il Papa ha scelto di parlare a porte chiuse senza che vi fossero microfoni scomodi. 

 

Video

 

Il discorso di Papa Francesco

Il discorso più sentito e accorato è stato rivolto dal Papa agli ebrei. Il tema centrale ha riguardato la crescita dell'antisemitismo. «La minaccia serpeggia in Europa e altrove. E' una miccia che va spenta». L'odio continua a correre e il ricordo dei campi di concentramento è ancora troppo vivo per essere dimenticato, considerando che nel 1944 iniziarono le deportazioni massicce che costarono al vita a oltre 400 mila ebrei. Tra coloro che riuscirono a sopravvivere il premio nobel Elie Wiesel. 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 13 Settembre, 11:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA