Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Vacanze ecologiche? Si può anche in mare con le crociere "green"

Le compagni crocieristiche stanno lavorando per rendere la nave da crociera una città galleggiante ed ecosostenibile

Giovedì 16 Giugno 2022 di Cristina Gazzellini
Una nave da crociera al porto di Civitavecchia

Vacanze ecologiche? Sarà possibile anche in crociera, tra una nuotata in piscina e un momento di relax tra Spa e idromassaggio. Parte da Costa  la nuova frontiera delle crociere “Green”, con le grandi navi che diventano sempre più ecologiche, tanto da ambire ad essere a “emissioni zero” entro il 2050. Il Gruppo Costa, compagnia di crociere leader in Europa con i suoi due marchi Costa Crociere e Aida Cruises, e parte di Carnival Corporation, il più grande gruppo crocieristico al mondo, ha annunciato la creazione di un dipartimento dedicato alla decarbonizzazione all’interno della sua unità Carnival Maritime con sede ad Amburgo. Il nuovo dipartimento, che riunisce le competenze scientifiche e tecniche del Gruppo sotto un’unica entità, sarà responsabile dello sviluppo e dell’attuazione della strategia per raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione delle flotte Costa e AIDA entro il 2050. La vacanza a bordo dei giganti del mare è fatta di relax, lusso ma con un occhio sempre attento all’ambiente. 

Airbnb, ecco le 10 case più amate su Instagram

LA SVOLTA DALLE CUCINE

Le compagni crocieristiche  stanno lavorando per rendere la nave da crociera una città galleggiante ed ecosostenibile quando è in mezzo al mare ma anche quando è ormeggiata in porto. Le innovazioni vanno dalla propulsione fino alla raccolta dei rifiuti, passando per il cibo avanzato nei ristoranti di bordo, che al primo scalo viene donato ad associazioni benefiche. La svolta green passa anche dalla  sala macchine, dove il vecchio olio combustibile pesante, un prodotto di scarto della raffinazione, sporco e solforoso, è stato sostituito dal gas naturale liquefatto (Lng), la tecnologia attualmente più avanzata nel settore marittimo per abbattere le emissioni. Tra le navi alimentate con questo tipo di gas, c’è la nuova ammiraglia del gruppo: Costa Toscana. Lunga 337 metri, larga 42,  ha una stazza lorda di 185mila tonnellate. Ha 2.663 cabine in cui accoglie 6.730 passeggeri,  seguiti  da un equipaggio di 1.646 persone. I suoi quattro motori la spingono alla velocità di 17 nodi e “il pieno” richiede 3.350 metri cubi di Lng. Il fabbisogno giornaliero di acqua di Costa Toscana è soddisfatto trasformando con l’uso di dissalatori quella del mare e la raccolta differenziata dei rifiuti raggiunge il 100 per cento.

 

LA RICERCA
Il nuovo Dipartimento voluto da Costa studierà e testerà nuove tecnologie, come batterie, celle a combustibile, energia solare ed eolica, per accelerarne la disponibilità. Una notizia che riguarda molto da vicino il porto di Civitavecchia dove da anni attraccano regolarmente navi sia della Costa che di Aida, e dove il gruppo Costa, gestisce insieme a Msc e Royal Caribbean il terminal croceristico.

Moda estate, la valigia perfetta (e pratica) per le vacanze? Ecco i 5 must have da portare assolutamente

Ultimo aggiornamento: 12:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA