Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, nonno abusa di 5 nipoti: condannato a 9 anni. Denunciato dalla madre dei bimbi: «Lo rifarei»

Venerdì 15 Gennaio 2021
Roma, nonno abusa di 5 nipoti: condannato a 9 anni. Denunciato dalla madre dei bimbi: «Lo rifarei»

Quattro, forse alla fine addirittura cinque i nipotini abusati dal nonno paterno, ora alla sbarra per pedofila. Il settantottenne di Cerveteri è stato condannato a nove anni di carcere in primo grado dal tribunale di Civitavecchia per abusi sessuali nei confronti dei minori. La pubblica accusa aveva chiesto dieci di anni di reclusione per l’anziano, uno insospettabile. La mamma dei piccoli ha tirato un sospiro di sollievo appena terminata l’udienza: «Una liberazione, lo denuncerei di nuovo, senza alcuna esitazione. È stata una battaglia dura e so che non è ancora finita. Sono dovuta fuggire da Cerveteri per proteggere i miei figli». Un incubo per la donna e i suoi bimbi iniziato nel 2016. È in quel periodo che si rivolge da subito alla magistratura civitavecchiese attraverso un legale dopo aver sospettato qualcosa basandosi sulle confidenze di due figlie. «Erano a casa assieme a me, quel giorno lo ricordo come fosse ieri, – racconta la madre – stavamo affrontando il discorso su come nascono i bambini. E i miei figli hanno detto di saperlo, iniziando a descriverlo e utilizzando una terminologia non adatta a quell’età».

Violenza sessuale, la sentenza: spese legali pagate a tutte le vittime senza distinzione di reddito

L’OMERTÀ

Una situazione difficile da gestire. La signora chiede aiuto anche alla suocera che fa finta di nulla. Neanche il marito, figlio del 78enne condannato, prende posizione. «Anzi, mi ha voltato le spalle – prosegue la donna – dicendomi che non voleva mettersi in mezzo tra i figli e suo padre». L’iter giudiziario non è concluso. La difesa presenterà quasi certamente ricorso in Appello dopo che verranno pubblicate le motivazioni della sentenza di primo grado. Le indagini sono state svolte dal Nucleo operativo del commissariato di polizia di Civitavecchia. A rappresentare la parte lesa è l’avvocato David Pizzicannella. «Una vicenda disgustosa – commenta il legale penalista del foro di Velletri – ammetto che all’inizio, quando la signora è venuta per raccontarmi tutto, non riuscivo a crederci. Faccio i complimenti alla mamma per aver squarciato il muro di omertà che avvolge spesso i casi di pedofilia, ancor più quando avvengono tra le mura domestiche».

Perugia, padre abusa della figlia, condannato a 15 anni e 8 mesi. «Quel mostro mi chiedeva "Ti è piaciuto?"»

I bambini sono stati chiamati a deporre nell’incidente probatorio che si è tenuto anche a distanza. Uno stress emotivo non indifferente. Il nonno cerveterano ha avuto problemi di salute, condizione peggiorata dopo le attività investigative. I giudici, in composizione collegiale come previsto in questo tipo di processi, hanno riconosciuto gli abusi solo su quattro e non sul quinto figlio della donna. «Forse perché una bambina così piccola – aggiunge David Pizzicannella – non è poi così scontato possa dimostrare una certa attendibilità nei racconti. Lavorare a questi casi lascia sempre l’amaro in bocca anche se l’imputato viene condannato con una pena del genere». E sempre a Cerveteri ci sarebbe un’indagine su un altro caso di pedofilia sui cui però al momento vige il massimo riserbo degli inquirenti. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA