Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ambulanze senza medici,
nel Salernitano si ferma il servizio 118

Martedì 7 Giugno 2022 di SImona Chiariello
Ambulanze senza medici, nel Salernitano si ferma il servizio 118

Peggiora la situazione del 118: la carenza di medici ed infermieri impone lo stop del servizio di emergenza territoriale. La postazione resta chiusa e in caso di interventi è necessario attendere l’arrivo del mezzo di soccorso del comune più vicino. Scenario simile anche a Maiori, il cui territorio viene coperto dalla postazione di Vietri. «Quando siamo operativi - spiegano i sanitari cavesi - siamo chiamati ad intervenire spesso nell’agro».

Un vero e proprio caos, causato dalle carenze di personale medico ed infermieristico, che rischia di essere pagato a caro prezzo, visto che si tratta di un servizio salvavita. I medici sono pochi e non riescono a coprire i turni. Se prima l’ambulanza del 118 della postazione di Cava usciva per gli interventi di emergenza con a bordo solo l’autista soccorritore, senza camici bianchi ora è costretta a non farlo. Non c’è fine all’emergenza territoriale cavese che da mesi vive una grave carenza di organico con conseguenti disagi per gli utenti e per gli operatori. Se in un primo momento i buchi riguardavano il comparto infermieristico, questa volta a preoccupare sono le carenze di personale medico. Al momento, complici pensionamenti e malattie, sono appena tre i medici in servizio. Risultato? In caso di emergenza può essere allertata l’ambulanza della postazione Saut di un comune vicino con conseguenti ritardi sui tempi di soccorso, fondamentali specialmente per i codici rossi. L’alternativa non è più confortante perché si traduce nell’uscita del mezzo di soccorso con un equipaggio formato solo da autista soccorritore.

Già nei mesi scorsi, i comitati uniti Cava de’ Tirreni e Costa d’Amalfi hanno segnalato la necessità di potenziare gli organici del 118 e, più in generale, il servizio salvavita. Le richieste riguardano anche il comparto infermieristico che, oltre alle carenze, lamenta anche retribuzioni scarse. Un filo conduttore, quello delle carenze di personale sanitario, che unisce l’emergenza territoriale alle prestazioni ospedaliere. Al Santa Maria dell’Olmo resta critica la situazione del pronto soccorso dove le carenze dei personale medico sono ormai una tragica realtà. Si spera che gli annunci e le promesse delle settimane scorse, fatte dal manager del Ruggi D’Amato e dal sindaco Vincenzo Servalli, si traducano presto in fatti, tenuto conto anche dell’avvicinarsi del periodo di ferie per i camici bianchi in servizio. Ospedale e 118 hanno urgente bisogno di un potenziamento degli organici di medici ed infermieri. Una necessità che non può essere più prorogata in un periodo, come quello estivo, già difficile per l’aumento del bacino di utenza e per le ferie del personale. 

Ultimo aggiornamento: 06:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA