Paestum, uccide la nonna con sei coltellate: 17enne trasferita al carcere di Nisida

I carabinieri sono al lavoro per ricostruire i motivi dell'omicidio

L'abitazione di via delle Tavernelle
L'abitazione di via delle Tavernelle
Martedì 8 Novembre 2022, 13:41 - Ultimo agg. 9 Novembre, 07:01
3 Minuti di Lettura

È stata trasferita all'alba nel carcere di Nisida la ragazza di 17 anni che, ieri sera, ha ucciso con sei coltellate la nonna di 76 anni.

Il fatto è avvenuto in via delle Tavernelle, a Capaccio Paestum, nell'abitazione dell'anziana. I carabinieri della compagnia di Agropoli, guidati dal capitano Fabiola Garello, sono ancora al lavoro per ricostruire la dinamica e i motivi dell'omicidio.

Il tutto sarebbe avvenuto, presumibilmente, al culmine di una lite. Anche la ragazza ha riportato una lieve ferita al braccio, per la quale è stata medicata all'ospedale di Eboli. Da quanto si apprende, dal momento in cui è stata arrestata, non avrebbe parlato.

Gli investigatori sono al lavoro per capire cosa possa aver provocato una tragedia definita da tutti inimmaginabile. La 17enne non ha mai avuto problemi di alcun tipo che potessero lasciare presagire qualcosa. Nemmeno i genitori, sconvolti per l'accaduto, riescono a darsi una spiegazione.

La nonna viveva da sola nell'abitazione di via delle Tavernelle, a due passi dal parco archeologico di Paestum. Era rimasta vedova e, qualche volta, la nipote si recava a farle visita. Probabile che ieri sia andata a casa sua per lo stesso motivo. Quello che è accaduto è ancora da ricostruire. Dagli accertamenti è emerso che l'anziana è stata colpita quattro volte alla schiena, una volta alla nuca e un'altra all'addome. L'arma utilizzata è un coltello a serramanico che è stato rinvenuto accanto al cadavere e sequestrato dai carabinieri. La ragazza, dopo aver compiuto il gesto, è uscita in strada dove è stata trovata dai militari.

La salma della nonna è stata trasferita all'obitorio di Eboli dove sarà sottoposta ad autopsia. Le indagini sono coordinate dalla Procura per i minorenni di Salerno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA