Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Salerno, 1 e 2 ottobre: la giornata
nazionale del biologo professionista

Giovedì 22 Settembre 2022
Salerno, 1 e 2 ottobre: la giornata nazionale del biologo professionista

L’appuntamento è in sedici piazze italiane, dove i biologi presteranno volontariamente e gratuitamente la propria opera professionale all’interno di stand organizzati in più studi di consulenza, a seconda delle diverse aree di competenza: nutrizione, ambiente, laboratorio, genetica, sicurezza, sostenibilità.

Dalle 10 alle 18 del primo week-end di ottobre, i cittadini potranno ricevere una consulenza gratuita sulle proprie abitudini alimentari, un’indicazione per tenere un corretto stile di vita, un consiglio prezioso in materia di risparmio, sostenibilità e rispetto dell’ambiente che ci circonda. Oltre alla possibilità di parlare con un professionista, chi andrà in piazza troverà poster e materiale informativo digitale, per approfondire i diversi temi.

Ci sarà anche Salerno tra le città che l’1 e il 2 ottobre ospiteranno l’ottava “Giornata nazionale del biologo professionista”, un grande evento volto a favorire la prevenzione primaria promosso dall’Ente nazionale di previdenza e assistenza dei biologi.

La Gnbp nasce nel 2014 e dal 2015 è patrocinata dal ministero della Salute. L’ultima edizione pre-pandemica del 2019 è stata un grande successo: seicento biologi hanno offerto il loro servizio a oltre cinquemila persone su tutto il territorio nazionale. Quest’anno, dopo uno stop causato dalla pandemia e un’edizione digitale, la Giornata torna nelle piazze di sedici città: Bari, Bologna, Cagliari, Cosenza, Firenze, Genova, Messina, Milano, Padova, Perugia, Pescara, Potenza, Roma, Salerno, San benedetto del Tronto, Torino.

«In un momento storico di grande criticità per il lavoro, soprattutto per i giovani, la Giornata rappresenta un evento centrale per la sua capacità implicita di sostenere la professione in termini di visibilità e di affermazione della figura del biologo verso il cittadino. L’effetto altrettanto diretto e immediato è un accrescimento del lavoro e un conseguente consolidamento progressivo del reddito che, tradotto in numeri previdenziali, determina un miglioramento della prestazione pensionistica futura. Crediamo fermamente che il futuro inizi e si costruisca nel presente, per questo lavoriamo costantemente per tenere la professione in salute, anche attraverso progetti innovativi di welfare e sostegno al lavoro come questa Giornata»: così la presidente Enpab, Tiziana Stallone, sottolinea il valore del progetto.

L’idea nasce dalla volontà di prestare un servizio sociale sul territorio che ha come scopo la prevenzione primaria: «È molto importante intervenire prima che la patologia insorga. Offrire consulenze gratuite in maniera così diffusa, coinvolgendo anche chi potrebbe avere difficoltà a permettersi una consulenza da un professionista, ci aiuta nel lavoro di rallentamento delle possibili patologie».

Un vero e proprio modello di prevenzione primaria che l’Enpab si augura possa essere preso ad esempio dalle Istituzioni: «Questa Giornata è un’occasione per promuovere un modello di prevenzione primaria e attribuire il giusto valore alla nostra professione, affinché la presenza del biologo sia prevista in molti più contesti: all’interno delle scuole, accanto alla medicina di base, negli esercizi di ristorazione, nelle strutture di prossimità, come le case della salute, e in ogni ambito che possa giovare alla salute della popolazione».

La Giornata rappresenta inoltre un importante momento di alternanza formazione/lavoro ai fini dell’orientamento alla professione per gli iscritti agli ultimi anni di Biologia che avranno la possibilità di scoprire le diverse aree di competenza del biologo e di conoscere gli altri colleghi per iniziare sin da subito a costruire una solida rete professionale. I dati raccolti nelle piazze saranno oggetto di studio e potranno essere utilizzati per pubblicazioni scientifiche e tesi di laurea, come accaduto durante le precedenti edizioni. Sarà possibile seguire la Giornata anche sui profili social di Enpab e sulle pagine dedicate alla Giornata del biologo professionista con l’hashtag #GNBP2022 e #ENPAB.

© RIPRODUZIONE RISERVATA