Campania, colto da infarto sul treno:
muore a 69 anni, inutili i soccorsi

Venerdì 18 Giugno 2021 di Carmela Santi
Campania, colto da infarto sul treno: muore a 69 anni, inutili i soccorsi

Stava raggiungendo il Cilento in treno quando é stato colto da improvviso malore e il suo cuore ha cessato di battere. Dramma nel primo pomeriggio di ieri sul regionale Trenitalia partito da Napoli Centrale e diretto in Calabria. Poco dopo la stazione di Battipaglia un uomo di 69 anni, Donato Gregorio residente a San Giorgio a Cremano, nel napoletano, si è sentito male a seguito di un arresto cardiaco. Gli altri passeggeri hanno fatto scattare l’allarme. Per soccorrerlo il convoglio, diretto a Reggio Calabria, si è fermato alla stazione di Paestum dove è stato organizzato il soccorso. 


Il personale di Trenitalia ha fatto scattare l’allarme e cercato sul convoglio medici pronti ad effettuare manovre di primo intervento per scongiurare il peggio è salvare la vita al passeggero. Ma quando i sanitari del 118 sono salito a bordo per l’uomo non c’era più nulla da fare. Il malore non gli ha lasciato scampo. I volontari delle ambulanze di Croce Rossa e Croce Gialla non hanno potuto far altro che costatarne l’avvenuto decesso. Il dramma si è consumato in pochi interminabili minuti. 


Sul posto per i rilievi del caso i carabinieri di Capaccio Scalo, diretti dal maresciallo Giuseppe D’Agostino e della compagnia di Agropoli, al comando del Capitano Fabiola Garello. I militari hanno cercato di ricostruire l’accaduto. Una scena straziante, alla presenza degli altri passeggeri del treno che impotenti hanno assistito alla morte dell’uomo senza poter fare nulla. L’improvviso malore e subito il decesso.

Gregorio aveva preso il Treno a Napoli Centrale, come aveva fatto tante altre volte per raggiungere Ascea, nota località balneare del Cilento, dove forse doveva trascorrere qualche giorno di vacanza. Purtroppo un atroce destino lo ha strappato per sempre all’amore e all’affetto dei suoi cari. Dopo le formalità di rito la salma del 69enne é stata subito liberata e restituita ai familiari.

Nessun dubbio sul dramma. Il decesso è avvenuto per un malore improvviso che non ha lasciato scampo all’uomo. Il treno diretto a Reggio Calabria subito dopo l’allarme si è fermato per diverso tempo alla stazione di Paestum per consentire le operazioni di soccorso, poi per liberare la salma. Il dramma ha causato disagi alla circolazione ferroviaria e per gli altri viaggiatori, costretti a lasciare il regionale e a prendere altri treni per proseguire il viaggio. L’episodio ha fatto registrare ritardi anche sugli altri treni in transito. La situazione è tornata alla normalità solo nel tardo pomeriggio.

 

Ultimo aggiornamento: 10:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA