Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Trovati ad armeggiare con cricchetti
e sollevatori vicino alle auto, 2 nei guai

Domenica 20 Febbraio 2022 di Nicola Sorrentino
Trovati ad armeggiare con cricchetti e sollevatori vicino alle auto, 2 nei guai

CAVA DE' TIRRENI. Rispondono di tentato furto in concorso due napoletani, attesi dal processo per essere stati sorpresi mentre scassivano un'auto, provando a portare via degli pneumatici di vetture parcheggiate, bersaglio della razzia tentata a Cava de’ Tirreni. I fatti risalgono al 15 luglio 2020, quando i due vennero sorpresi dalle forze dell’ordine, dopo la segnalazione da parte di un cittadino che si era accorto dell’azione dei due ladri. 

In particolare, entrambi furono individuati mentre utilizzavano un sollevatore auto a pantografo con cricchetto, un altro sollevatore, una chiave a croce per smontaggio di ruote da 17, 19 e 21 pollici rispettivamente, un cacciavite di undici centimetri e un cacciavite di diciassette centimetri: con questi strumenti furono sorpresi dai poliziotti intervenuti, con l’azione scattata nel mezzo di traversa San Lorenzo.

I due imputati avevano smontato nove bulloni di pneumatici di una Fiat 500, di proprietà di un cittadino, con il tentativo illecito di appropriarsi delle ruote anteriori e posteriori del veicolo: l’episodio rimase intentato, non concluso per il provvidenziale intervento delle forze dell’ordine, che entrarono in azione dopo aver raccolto la segnalazione di un testimone. La vicenda ripropone il fenomeno dei furti, molto spesso segnalati in città, a Cava de' Tirreni, legate al mercato nero delle auto rubate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA