Movida violenta a Sala Consilina,
nei video virali i volti dei giovani

Movida violenta a Sala Consilina, nei video virali i volti dei giovani
di Pasquale Sorrentino
Martedì 21 Giugno 2022, 06:45 - Ultimo agg. 11:59
3 Minuti di Lettura

Sono stati identificati alcuni dei protagonisti della rissa che si è scatenata all’alba di sabato davanti a un locale di Sala Consilina. La rissa ha avuto una rilevanza mediatica nazionale perché è stata ripresa da diversi cellulari e gli scontri tra giovani e giovanissimi, ragazze e ragazzi, sono rimbalzati di cellulare in cellulare. Le immagini hanno creato disapprovazione ma non sono mancati i commenti social di giustificazione. Il video, quello integrale, dura oltre sei minuti con la rissa già avviata da diverso tempo, era già in possesso dei carabinieri della Compagnia di Sala Consilina prima che diventasse virale e i militari agli ordini del capitano Roberto Bertini avevano già avviato tutti gli accertamenti del caso per ricostruire l’accaduto e individuare coloro che hanno partecipato.

Sono stati quindi identificati alcuni tra ragazze e ragazzi, anche minorenni, che alle 4.30 si sono colpiti per futili motivi. I carabinieri, tra serata di sabato e ieri, hanno continuato a visionare i video e sentire persone informate dei fatti, compresi i gestori del locale, estranei alla vicenda. I militari, nella serata di domenica, hanno fatto visita al locale proprio per chiarire il contesto nel quale si è sviluppata la rissa. 

Video

L’ipotesi più plausibile è che a scatenare la rissa siano stati degli insulti tra ragazze di due compagnie diverse e poi si è arrivati alle mani e non solo. Infatti qualcuno - si nota nel video - ha anche usato almeno due bottiglie vuote per minacciare di colpire l’avversario di turno. A venire alle mani anche diverse ragazze che si sono strattonate, colpite e avvinghiate e sono servite diverse persone per dividere le contendenti. Gli accertamenti dei carabinieri sono proiettati anche verso il pronto soccorso di Polla perché pare che qualcuno dei giovani coinvolto nelle botte, potrebbe aver chiesto di essere curato dal nosocomio valdianese, dichiarando una causa diversa per le ferite riportate. Per fortuna - occorre rimarcare - nessuna persona dovrebbe aver riportato gravi ferite in seguito agli scontri. Inoltre, dall’identificazione di alcuni protagonisti si è scoperto che questi provenivano anche da centri al di fuori del Vallo di Diano, non solo dalle zone limitrofe a Sala Consilina dove i fatti sono avvenuti. Tra i compiti delle forze dell’ordine ci sarà anche quello di individuare le eventuali responsabilità su quanto accaduto e anche le identità dei restanti protagonisti. Occorre anche aggiungere che, al di là dei commenti social non ci sono stati analisi o interventi da parte delle istituzioni, che di certo non mancheranno in futuro.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA