Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Unisa, sei dipartimenti
in corsa per l'eccellenza

Lunedì 16 Maggio 2022 di Barbara Landi
Unisa dall'Alto

La ricerca scientifica si conferma leva strategica per l’università di Salerno. Sono sei i dipartimenti Unisa che rientrano tra i 350 che concorreranno alla definizione dei 180 Dipartimenti di Eccellenza 2023-2027. “È un risultato complessivo importante, che va a premiare la qualità della ricerca di più Dipartimenti – esordisce il rettore Vincenzo Loia – Un riconoscimento al valore della multidisciplinarietà. In attesa della graduatoria definitiva, i miei complimenti a tutta la comunità scientifica per questa prima attestazione”. Nel dettaglio, nella top 350 ammessi alla selezione di eccellenza, predisposto dall’ANVUR per il periodo 2015-2019, si attestano Ingegneria dell’Informazione ed Elettrica e Matematica Applicata (DIEM), Informatica (DI), Ingegneria Industriale (DIIN), Scienze Aziendali Management & Innovation Systems (DISA-MIS), Ingegneria Civile (DICIV) e Farmacia (DIFARMA). “Il livello di ricerca multidisciplinare nell’Ingegneria industriale è stato sempre alto – spiega il direttore Roberto Pantani -  Si focalizza su prodotti della ricerca. Si tratta di un grande risultato, di cui siamo fieri pur essendo consapevoli del fatto che l'eccellenza va raggiunta e conservata nel tempo”. “È un grande orgoglio essere inseriti tra migliori con il massimo del punteggio – aggiunge il direttore Vincenzo Auletta - Per il DIEM si tratta di una conferma. Abbiamo deciso di puntare con convinzione sulla politica di valorizzazione della qualità, non solo per quanto riguarda l’attività della ricerca e del trasferimento tecnologico, ma anche per la didattica. Ci stimola a proseguire su questa linea”. Mette insieme più anime disciplinari il DisaMis: “Crediamo nel valore dell’innovazione, il che vuol dire anche sperimentazione – dichiara il direttore Raffaele D’Alessio – Ricerca e didattica in linea con le evoluzioni del mondo della conoscenza, per una formazione di qualità e soprattutto sempre attualizzata”. Una conferma anche per Ingegneria Civile, diretta da Gianvittorio Rizzano: “Il dipartimento è stato già vincitore tra i migliori 180 Dipartimenti, tra i primi 10 in Italia, con l’assegnazione di un contributo economico di oltre 10 Milioni di euro, impiegato per il potenziamento dei laboratori, centrali per la ricerca e a supporto della didattica, per garantire un’esperienza diretta”. Eccellenza anche per Farmacia: “È un percorso lungo, avviato da anni in un dipartimento multidisciplinare, concentrato sulla salute umana – chiarisce il direttore Pietro Campiglia – La nostra è una ricerca di frontiera, innovativa. Siamo presenti su 3 ‘centri campione’ per i fondi del PNRR su Agritech, biodiversità e produzione farmacologica ad Rna. Rientriamo nei network di medicina di precisione. Dopo Agraria, prossimo obiettivo il corso di laurea sulla Farmaceutica animale”. Ha ricevuto, in fase preliminare, la massima valutazione, 100 su 100, il dipartimento di Informatica Unisa: “Certifica l'assoluta eccellenza della scuola salernitana – insistere il direttore Luisa Gargano - sia al livello nazionale che internazionale. Significa offrire, ai giovani della nostra regione, un percorso di studi che si appoggia su una struttura di grandissimo valore, come il Miur continua a certificare”. I Dipartimenti di Eccellenza rappresentano un intervento innovativo e di forte sostegno finanziario, previsto dalla legge 232 del 2016 (legge di bilancio 2017). L'intervento ha l'obiettivo di individuare e finanziare, con cadenza quinquennale e nell'ambito delle 14 aree CUN, i migliori 180 Dipartimenti delle Università statali. Si tratta di Dipartimenti che spiccano per la qualità della ricerca prodotta e per la qualità del progetto di sviluppo, ai quali è destinato un budget annuale di 271 milioni di euro.

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA