Vaccini Covid, somministrazioni fantasma
per ottenere il green pass: choc a Scafati

Venerdì 1 Ottobre 2021 di Marco Toriello
Vaccini Covid, somministrazioni fantasma per ottenere il green pass: choc a Scafati

Vaccinazioni fantasma per ottenere il green pass. Sono una quindicina i falsi vaccinati scoperti nell'area nord della provincia di Salerno, nel cuore dell'Agro sarnese nocerino. I loro nominativi risultano regolarmente inseriti nell'elenco dei soggetti vaccinati, sulla piattaforma Soresa della Regione Campania, ma in realtà non hanno mai ricevuto il siero che protegge dal Covid-19. Non è solo un'ipotesi, ma un dato di fatto, emerso da una serie di meticolosi controlli effettuati dai referenti dei centri vaccinali degli ospedali di Nocera Inferiore e Scafati, che hanno presentato una denuncia ai carabinieri. 

Tutto è partito proprio da Scafati. Quello che inizialmente sembrava solo un timore è diventato certezza martedì sera, quando il personale di turno al centro vaccinale del Covid hospital di via Passanti, raffrontando la documentazione cartacea riepilogativa dei soggetti ai quali era stato somministrato in giornata il vaccino con le informazioni registrate sulla piattaforma Soresa, si è accorto che qualcosa non quadrava. In pratica, secondo le informazioni fornite dal terminale, in quelle stessa giornata risultavano vaccinate all'ospedale di Scafati otto persone in più rispetto ai nominativi che erano stati registrati sui moduli cartacei. L'allarme è scattato immediatamente. Il responsabile del centro, la dottoressa Stefania Parlato, ha allertato la direzione generale dell'Asl Salerno, avviando una serie di controlli accurati per accertare i motivi di quella anomalia. Il problema è emerso proprio dal controllo della piattaforma. Otto persone risultavano registrate e vaccinate in quello stesso hub nella giornata di martedì, ma nessuno tra il personale sanitario di turno a Scafati aveva somministrato loro in siero. Inevitabile la denuncia ai carabinieri. 

Video

Il sospetto è che qualcuno, utilizzando le credenziali in dotazione al personale dell'hub vaccinale dell'ospedale Mauro Scarlato di Scafati, abbia avuto accesso da remoto alla piattaforma Soresa, riuscendo così a inserire i dati delle somministrazioni fasulle, con lo scopo di garantire agli interessati l'ottenimento del green pass. I carabinieri della tenenza di Scafati hanno avviato subito le indagini, informando la Procura di Nocera Inferiore. Un altro parallelo e identico filone di indagine è stato aperto nelle stesse ore a Nocera Inferiore per un'altra decina di false vaccinazioni emerse da un controllo sui terminali del centro vaccinale dell'ospedale Umberto I. Anche in questo caso il responsabile della struttura ha presentato denuncia ai carabinieri. Gli investigatori hanno già identificato i falsi vaccinati, che rischiano di finire in guai seri. Ci sono indagini in corso tese a stabilire se i soggetti in questione fossero o meno consapevoli del loro inserimento in piattaforma, se avessero già ricevuto la mail di conferma dell'avvenuta vaccinazione e se avessero già scaricato il tanto agognato green pass. Bisognerà, soprattutto, cercare di capire chi abbia avuto accesso ai terminali dei due centri vaccinali per inserire sulla piattaforma Soresa i dati delle vaccinazioni fasulle, quali credenziali abbia utilizzato e come ne sia venuto in possesso. Al vaglio degli inquirenti ci sono ora tutti gli accessi al sistema che risultano effettuati non solo nella giornata di martedì, ma anche nei giorni precedenti, da medici, infermieri e personale amministrativo in servizio nei centri dei due ospedali. Non sarà difficile scoprire altri eventuali inserimenti anomali, considerando che per ogni soggetto vaccinato c'è una duplice registrazione che viene effettuata: la prima sulla piattaforma Soresa, la seconda sui moduli cartacei compilati dal personale sanitario che di fatto somministra il vaccino.

Ultimo aggiornamento: 18:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA