Vaccini a domicilio e debiti da saldare:
allarme truffe a Nocera Superiore

Giovedì 25 Febbraio 2021 di Nicola Sorrentino
Vaccini a domicilio e debiti da saldare: allarme truffe a Nocera Superiore

NOCERA SUPERIORE. In tempi di pandemia da Covid-19 sono ancora più di frequente gli anziani a finire nel mirino di truffatori e singoli individui, che approfittando del contesto particolare, ma anche di informazioni reperite in qualsiasi modo, riescono ad ingannare coppie o singole persone per spillare loro soldi. Accade a Nocera Superiore, da qualche settimana, con diversi casi di truffe consumate a danno di anziani.

Vaccini a domicilio, è allarme a Napoli: «Attenti alle telefonate truffa»

Alcune tentate, altre andate decisamente a segno. A riguardo, il sindaco Giovanni Maria Cuofano ha lanciato un appello a tutta la cittadinanza: «L’invito, rivolto in primis alle persone anziane che vivono da sole, è a non aprire la porta di casa agli sconosciuti anche se si presentano sotto le mentite spoglie di “amici di famiglia”, di “impiegati pubblici o di enti privati”, ma di chiamare immediatamente le forze dell’ordine. Anche in un momento così difficile, in piena pandemia, c’è chi approfitta dell’ingenuità e del buon cuore degli anziani soli. Ringrazio l’arma dei Carabinieri per quanto sta facendo e per la sorveglianza messa in atto nel nostro territorio. Possono essere uomini o donne e presentarsi da soli o in coppia; in genere, sono eleganti, cordiali e rassicuranti; parlano molto allo scopo di confondere: questo l’identikit più diffuso del truffatore. Fra i tentativi di truffa avvenuti, la richiesta di denaro contante per presunti pagamenti o per saldare debiti di un parente prossimo.

Non ultimo, quello del vaccino a domicilio, con la proposta di appuntamenti a casa per la vaccinazione anti Covid-19: anche in questo caso, le autorità sanitarie fanno sapere che «possono accedere ai punti vaccinali solo gli utenti aventi diritto, registrati in piattaforma e convocati tramite sms». Alcune delle persone finite nel mirino di questa banda di truffatori, avrebbe in sostanza consegnato cifre di denaro, spesso anche considerevoli, convinta di aiutare un parente a saldare debiti pregressi, in realtà mai esistiti. Altre volte, invece, vengono convinti da soggetti terzi, che spesso si spacciano al telefono per dei familiari e riescono ad ingannare la potenziale vittima, che crede di parlare con il proprio nipote o figlio. Lo stesso avviene con i cosiddetti vaccini a domicilio, dove i truffatori si fingono dipendenti dell'Asl o dell'ospedale, con la scusa di effettuare vaccini direttamente a casa, quando poi il reale intento è di entrare all'interno delle abitazioni per provare a rubare soldi o qualsiasi altro oggetto di valore. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA