Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Omicron, aumentano reinfezioni: «Rischio maggiore per donne, giovani e personale sanitario». Il report dell'Iss

Dal 24 agosto 2021 al 20 aprile 2022 sono stati segnalati 357.379 casi di reinfezione da Covid, pari a 3,2% del totale dei casi notificati

Sabato 23 Aprile 2022
Omicron, aumentano reinfezioni: «Rischio maggiore per donne, giovani e personale sanitario». Il report dell'Iss

Non possiamo ancora lasciarci alle spalle la pandemia di Covid. Omicron corre veloce. Se da un lato, nell'ultima settimana, è in calo il numero dei morti e dei nuovi contagi, con dati che segnalano meno casi anche tra i bambini, e l'occupazione delle terapie intensive si mantiene stabile, dall'altro lato si registra però un aumento dei ricoveri nei reparti ordinari e sale il numero delle reinfezioni. Un quadro a fronte del quale il ministro della Salute, Roberto Speranza, rinnova l'invito alla cautela. 

Furbetti dei tamponi fai da te: positivi, ma non lo dichiarano. Medici: «Antivirali a rischio». E a maggio si teme boom di contagi

Omicron, aumentano reinfezioni: i dati dell'Iss

Dal 24 agosto 2021 al 20 aprile 2022 sono stati segnalati 357.379 casi di reinfezione da Covid, pari a 3,2% del totale dei casi notificati. Lo segnala il reporto esteso dall'Iss, che riporta i dati della sorveglianza integrata dei casi di infezione da virus SARS-CoV-2 segnalati sul territorio nazionale all’Istituto superiore di sanità. Nell'ultima settimana la percentuale di reinfezioni e il 4,5% sul totale del casi, in aumento rispetto alla settimana precedente quando era 4,4%.

Covid da record: paziente positivo per 505 giorni. Altri 9 infetti da più di un anno

Chi è a rischio

Donne, giovani fra i 12 e i 49 anni e personale sanitario sono a maggior rischio. Ma non solo, il report evidenzia anche che il rischio di reinfezione è più alto in chi ha avuto una prima diagnosi 210 giorni prima, in chi non è vaccinato o è vaccinato con almeno una dose da oltre 120 giorni rispetto ai vaccinati con almeno una dose entro i 120 giorni, si legge nel Report esteso Iss sul Covid. 

Ultimo aggiornamento: 19:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA