Covid, gli scienziati inglesi: «Trasporti pubblici luoghi più sicuri al mondo: meno interazioni e boom di mascherine»

Mercoledì 7 Ottobre 2020 di Michele Galvani
Covid, gli scienziati inglesi: «Trasporti pubblici luoghi più sicuri al mondo: meno interazioni e boom di mascherine»

Il rischio di diffusione del Covid-19 sui trasporti pubblici è rimasto molto basso durante la pandemia: lo dimostrano diversi studi internazionali. Le misure di sicurezza imposte ai trasporti pubblici in tutto il mondo da quando è esploso il virus li hanno resi «i luoghi più sicuri della terra», ha detto il dottor Julian Tang, professore di scienze respiratorie alla Leicester University.

Covid, una nuova ricerca degli scienziati americani: «Il normale raffreddore può proteggere dal virus»

Se le persone «prendessero le stesse precauzioni in altre aree ad alto rischio come strade affollate e pub, il numero di casi si ridurrebbe», ha spiegato Tang a Sky News. Gli ultimi dati dalla Francia mostrano che solo l'1,2% dei 2.830 cluster di coronavirus del paese registrati tra il 1 maggio e il 28 settembre si sono verificati su qualsiasi tipo di trasporto (aerei, navi e treni). Due terzi di questi sono stati registrati come trasmessi presso aziende, ambienti scolastici e universitari, eventi pubblici e privati ​​e centri sanitari.

Diabete, più gravi gli effetti del Covid: per proteggersi va tenuta in equilibrio la glicemia


Hong Kong, una delle città più densamente popolate al mondo e su cui si fa molto affidamento sui trasporti pubblici, ha registrato un tasso di infezione complessivo di 68 casi ogni 100.000, molto meno dei paesi occidentali come gli Stati Uniti che ne hanno 2.198 ogni 100.000 e la Spagna che ha 1.602. Sebbene non vi sia il consenso di esperti, alcuni ricercatori suggeriscono che l'uso diffuso di mascherine potrebbe essere una delle ragioni principali delle basse velocità di trasmissione a Hong Kong. Il dottor Tang ha specificato:
«In Asia, c'era già una cultura sull'attenzione alla salute sui trasporti pubblici, quindi a Singapore e Hong Kong non appena hanno appreso del virus hanno tutti indossato le protezioni».

C'è anche una minore interazione tra le persone sui mezzi pubblici, quindi la relativa mancanza del parlare, gridare e ridere insieme riduce la trasmissione. Mangiare e bere è vietato in quasi tutto trasporto pubblico nel mondo. Inoltre, le persone generalmente rimangono sui mezzi pubblici per meno tempo rispetto a quando sono in ufficio o in un ristorante, riducendo al minimo l'esposizione.

L'esperto di trasporti pubblici Mohamed Mezghani, segretario generale dell'Associazione internazionale dei trasporti pubblici (UITP), ha dichiarato sempre a Sky News: «Il trasporto pubblico è stato stigmatizzato all'inizio della pandemia e di conseguenza stazioni ferroviarie, treni e autobus sono stati disinfettati regolarmente sin dall'inizio. Anche l'uso di mascherine è stato reso obbligatorio fin dall'inizio su bus, metro, treni e aerei».

Covid, la guida aggiornata dei medici Usa: «Contagi facili tra chi fa sport e in ambienti chiusi, distanza minima 1,8 metri»

Il Covid-19 viene spesso trasmesso da una persona infetta attraverso goccioline generate quando parla, tossisce, starnutisce o espira. Alcuni di queste si convertono in particelle di aerosol, che sono più leggere delle goccioline e possono diffondersi ulteriormente e rimanere nell'aria più a lungo - e chiunque le inali può essere infettato. Diversi studi hanno concluso che la trasmissione di goccioline e aerosol può essere prevenuta, o almeno limitata, utilizzando una copertura per il viso, anche in spazi più ristretti come i trasporti pubblici.
 

 

Ultimo aggiornamento: 22:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA