CORONAVIRUS

Covid, la guida aggiornata dei medici Usa: «Contagi facili tra chi fa sport e in ambienti chiusi, distanza minima 1,8 metri»

Martedì 6 Ottobre 2020 di Michele Galvani
Covid, la nuova guida dei medici Usa: «Contagi facili tra chi fa sport e in ambienti chiusi, asintomatici pericolosi»

Covid, ecco le nuove linee guida che arrivano dall'America: «Evitare spazi chiusi e poco ventilati, non stare vicino a chi canta o fa esercizio fisico. Mantenere una distanza minima di 1,8 metri. Gli asintomatici sono contagiosi». I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno nuovamente aggiornato la propria guida su come il Covid-19 si diffonde. E ne esce un quadro chiaro, una fotografia (purtroppo) ancora a tinte scure.

Covid, una nuova ricerca degli scienziati americani: «Il normale raffreddore può proteggere dal virus»

La Cdc continua a credere, sulla base della scienza attuale, «che le persone hanno maggiori probabilità di contrarre l'infezione se sono vicine a una persona con Covid», ha detto l'agenzia. «L'aggiornamento di oggi spiega che in  circostanze rare alcune persone con il virus hanno infettato altre che si trovavano a più di 6 piedi di distanza (circa 1,8 metri)». Addirittura in alcuni casi anche «poco dopo che la persona positiva ha lasciato la zona stessa. In questi casi, si è verificata la trasmissione in spazi poco ventilati e chiusi che spesso comportavano attività che causavano una respirazione più pesante, come il canto o l'esercizio fisico. Tali ambienti e attività possono contribuire all'accumulo di particelle che trasportano virus». Tuttavia, i dati disponibili suggeriscono che «è molto più comune per il virus che causa la diffusione del Covid-19 attraverso lo stretto contatto con una persona attraverso la trasmissione per via aerea», si legge nella nuova guida.

Covid, lo scienziato della Casa Bianca Fauci: «La normalità? Non prima di Natale 2021»
 


Quando le persone con il coronavirus
«tossiscono, starnutiscono, cantano, parlano o respirano producono goccioline respiratorie. Queste goccioline possono variare in dimensioni da goccioline più grandi (alcune delle quali sono visibili) a goccioline più piccole», spiega la ricerca.  Nello studio si certifica che il virus si può diffondere «attraverso piccole particelle di virus che persistono nell'aria e potrebbe essere in grado di infettare persone a più di 2 metri di distanza».  La nuova guida è chiara anche sulla trasmissione asintomatica: «Le persone che sono infette ma non mostrano sintomi possono anche diffondere il virus ad altri».

Vaccino Covid, Burioni: «Dati preliminari promettenti, ormai siamo in finale: possiamo vincere»

«Il vaccino antinfluenzale riduce le morti per Covid grazie alle difese immunitarie rafforzate»

Il Covid-19 si diffonde «meno comunemente» attraverso il contatto con superfici contaminate e «raramente» tra persone e animali. A luglio scorso, 239 scienziati hanno pubblicato una lettera che esortava l'Organizzazione mondiale della sanità e altre organizzazioni di sanità pubblica a essere «più disponibili sulla probabilità che le persone potessero contrarre il virus dalle goccioline che galleggiano nell'aria». Ma l'Oms ha spesso disatteso questa indicazione. La dottoressa Leana Wen, un medico di emergenza presso la George Washington University e analista medico, ha speigato alla CNN. «C'era pressione politica? Un'interferenza politica sta guidando piuttosto che la scienza?».
 

 

Ultimo aggiornamento: 7 Ottobre, 08:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA