Positivo fugge dal pronto soccorso di Palermo aiutato dalla famiglia: aveva ancora il catetere attaccato

I familiari hanno aggredito i sanitari, nessuno di loro sarebbe vaccinato

Mercoledì 29 Dicembre 2021
Positivo fugge dal pronto soccorso di Palermo aiutato dalla famiglia: aveva ancora il catetere attaccato

Un'altra storia surreale, che arriva dalla Sicilia. Un ragazzo positivo al Covid è fuggito dal pronto soccorso perché non voleva essere ricoverato nel reparto Covid dell'ospedale Cervello di Palermo. È accaduto ieri sera all'ospedale Civico di Palermo.

Positivo fugge dal porto di Ancona prima di imbarcarsi: caccia a un 40enne greco

Test molecolari, è caos a Roma: dieci giorni di attesa e 250.000 persone chiuse in casa

Sono stati i parenti del giovane a consentire al familiare di allontanarsi. Il ragazzo aveva ancora il catetere attaccato quando è scappato (e anche l’ago della flebo). Sono intervenuti gli agenti di polizia per riportare la calma e cercare di rintracciare il giovane.

 

Anche i familiari rischiano di finire in quarantena visto che sono venuti a contatto con il parente positivo. Nell'area di emergenza si sono presentati i familiari che hanno aggredito i sanitari e hanno consentito al giovane di allontanarsi. Nessuno di loro sarebbe stato vaccinato.

 

Ultimo aggiornamento: 10:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA