A Pietrarsa torna «Eruzioni del Gusto»:
protagonisti il vino e l'olio extravergine

Lunedì 31 Maggio 2021
A Pietrarsa torna «Eruzioni del Gusto»: protagonisti il vino e l'olio extravergine

Ritorna l’appuntamento con la terza edizione di Eruzioni del Gusto in programma dal 17 al 20 settembre 2021 al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa al confine tra Portici e Napoli.  L’evento enogastronomico promosso dall’associazione culturale ORONERO – Dalle scritture del fuoco è patrocinata dal Ministero della Cultura e dalla Regione Campania. Le linee generali dell’evento saranno annunciate dal presidente di ORONERO, Carmine Maione, che interverrà al workshop online «Dalla ricerca sul suolo, un nuovo strumento di supporto per il settore vitivinicolo campano» il 3 giugno alle 9.30 nell’ambito del progetto di ricerca Horizon 2020 - Land Support organizzato dall’Assessorato all’Agricoltura della Regione Campania in collaborazione con il Centro Interdipartimentale CRISP dell’Università degli Studi di Napoli Federico II.

Tema clou della terza edizione di Eruzioni del Gusto sarà la BIE - Borsa Internazionale dell’Enoturismo, un’occasione d’incontro tra i territori e la loro offerta turistica, con spazi espositivi dedicati agli operatori del settore enogastronomico, con convegni, dibattiti, degustazioni, incontri con la stampa e iniziative dedicate al B2B (anche in modalità online). Per la prima volta prenderanno parte all’evento Federdoc e OVSE (Osservatorio Economico sui Vini) oltre ai  numerosi consorzi e aziende che raggruppano i settori vinicoli e vitivinicoli. Tra gli stand dei padiglioni espositivi, vini delle terre vulcaniche che, a partire dalla Campania, toccheranno le terre etnee fino a raggiungere il Trentino Alto Adige attraversando l’intero Paese con lo sguardo rivolto al mondo. Nella quattro giorni degustazioni di bollicine, tipologie di vini pregiati di tutte le regioni d’Italia e incontri con le aziende vitivinicole per gettare le premesse di un turismo enogastronomico esperienziale internazionale con soggiorni nelle masserie e nelle malghe, negli agriturismo, nei castelli, nei monasteri e nelle aziende vitivinicole con visite ai vigneti dove sarà possibile anche assistere alle fasi della lavorazione del vino dalla raccolta dell’uva fino al prodotto custodito in botti. 

Video

Tra i padiglioni della prima linea ferroviaria d’Italia e gli spazi all’aperto sarà possibile degustare anche olii extravergine della Campania e di altre regioni. Ad arricchire l’evento, cibi della tradizione culinaria delle aree vulcaniche, show cooking con chef e cuochi e laboratori a vista dove sarà possibile assistere alle fasi della lavorazione di prodotti e ricette tipiche. La quattro giorni sarà affiancata da dibattiti scientifici con relatori esperti.  Eruzioni del Gusto vuole essere anche un’occasione per lanciare il brand White Italy (Wine Hospitality International Tourism Experience), un affascinante viaggio tra la bellezza ambientale e i piaceri della gola; uno spazio dove celebrare il sapere degli uomini, la cultura dei popoli, la loro identità. Per la Campania anche quest’anno sarà presente uno spazio per la mozzarella di bufala campana Dop,  per il pomodorino del piennolo del Vesuvio Dop, per il provolone del Monaco Dop, per i limoni della Costa di Amalfi Igp e quella sorrentina, la ricotta di bufala campana Dop e naturalmente la pasta di Gragnano Igp. Non mancherà la colatura di alici di Cetara Dop, l’olio d’oliva del Cilento e del vesuviano, le ricette a base di prodotti ittici costieri e soprattutto la pizza e i dolci dei maestri pasticcieri. Tra le novità anche ‘Eruzioni del Gusto Off’ con un ricco programma di iniziative organizzate in contemporanea in luoghi di prestigio come Capri, Ischia, Procida capitale italiana della cultura 2022 e tutti i grandi attrattori turistici campani tra siti archeologici e le Costiere Sorrentina e Amalfitana con gli alberghi e i ristoranti protagonisti con un menù vulcanico.

Dal 17 al 20 settembre 2021 saranno presenti con la Regione Campania che patrocina e promuove l’evento altre Regioni italiane, comuni vesuviani e molti comuni italiani, il Dipartimento di Agraria dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, il Laboratorio di Urbanistica e Pianificazione Territoriale sempre della Federico II, l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno, la Fondazione Dohrn, l'Ente Parco Nazionale del Vesuvio, l’Ingv e numerosi altri Enti di ricerca e Ordini professionali, Consorzi di tutela e naturalmente aziende del settore. Per l’edizione 2021 alcuni temi verranno trattati anche in streaming attraverso l’allestimento di una Piazza Virtuale in linea con le nuove tendenze e nel rispetto delle prescrizioni per il contenimento del covid-19.

 

Ultimo aggiornamento: 19:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA