Vittorio Garrone e Antonella Clerici, il primo incontro: «Prima di uscirci l'ho cercata su Google». Lei: «Mi ha corteggiato con lettere profumate»

Vittorio Garrone e Antonella Clerici, il primo incontro: «Prima di uscirci l'ho cercata su Google». Lei: «Mi ha corteggiato con lettere profumate»
Vittorio Garrone e Antonella Clerici, il primo incontro: «Prima di uscirci l'ho cercata su Google». Lei: «Mi ha corteggiato con lettere profumate»
Mercoledì 19 Ottobre 2022, 10:40 - Ultimo agg. 13:40
4 Minuti di Lettura

Il colpo di fulmine li ha “colpiti” sei anni fa e da allora Antonella Clerici e Vittorio Garrone non si sono mai lasciati. Ora vivono ad Arquata Scrivia in provincia di Alessandria (Piemonte) tra daini, caprioli e cinghiali. Con loro “solamente” «tre cani e quattro figli», ci ride su la conduttrice che racconta della soddisfazione di vedere i figli crescere insieme. I tre "grandi" sono di Vittorio, Maelle, la figlia che Antonella ha avuto da Eddy Martens, invece ha ora 13 anni. «I ragazzi si vedono tanto, hanno un rapporto come tra fratelli, non era scontato».

Emma e il bodyshaming, Antonella Clerici gela gli haters: «Ho costruito il mio successo sulle imperfezioni: fregatevene»

Antonella Clerici e Vittorio Garrone, la loro storia

Parlano del loro amore pubblicamente Antonella e Vittorio, che raccontano anche di come è nato, e di come continua. 

Potrebbero definirsi "la strana coppia": lei conduttrice televisiva, lui erede della Erg Petroli. Due strane che difficilmente si sarebbero potute incontrare naturalmente. «Invece, la dietologa del mio programma, Evelina Flachi, mi dice: ho conosciuto un uomo che sarebbe perfetto per te, ha i tuoi stessi occhi buoni e si è separato da poco». Si raccontano al Corriere della Sera l'imprenditore e la conduttrice. «Io non guardo tanto la tv - spiega Vittorio - non è che non sapessi che Antonella esisteva, ma prima d'incontrarla a Roma, un'occhiata su Google l'ho data».

Antonella Clerici, l'attacco alla Rai: «La prova del cuoco? Mi fecero fuori perchè ero incinta»

Il primo appuntamento

Poi l'appuntamento e Cupido ha tirato la sua freccia. «Quando è entrata nel ristorante, è stato un colpo di luce. Ci siamo messi a parlare e ci siamo dimenticati della nostra amica. Dopo sono rimasto lì nel vuoto lasciato dal suo taxi , come un ebete. Sono tornato in albergo e camminavo sulle nuvole».

Il "profumato" corteggiamento

Tutto questo accadeva sei anni fa, Vittorio aveva 50 anni e ha capito subito che usare strategie con una «donna così affascinante e intelligente» sarebbe stato inutile. Poi tre mesi di corteggiamento fatto «di lettere profumate - ricorda Antonella - me le spediva, scrive molto bene». E Garrone cita un suo "verso": «Le ho scritto “tu, per me, sei il tempo senza tempo”». Ma la regina dei fornelli, non era sicura di voler iniziare una storia, usciva da un periodo turbolento e Maelle era ancora piccola. Poi l'invito al matrimonio del fratello di Vittorio a Portofino e la prima paparazzata. «E dagli occhi dell’amore che avevamo, si sono accorti tutti che non era un’amica», è ancora emozionato Vittorio nel ricordare quei momenti.

 

La nuova vita nel bosco

Poi la decisione di andare a vivere ad Arquata, nonostante con la campagna Antonella non avesse un ottimo rapporto. «Avevo già maturato la scelta di lasciare la diretta quotidiana. Poi, mi sono accorta che Roma non era la mia città e io avevo 53 anni, ho pensato: che senso ha stare lontani a fare i fidanzatini di Peynet? E sapevo che, se lui fosse venuto a Roma, il rapporto non sarebbe durato». Vittorio: «Mi sarei trasferito per amore, ma col tempo ne avrei sofferto, avrei finito per sentirmi in credito». Ora vivono lì circondati dalla natura e non si parla ancora di matrimonio, nonostante all'anulare di Antonella sia apparso un diamante. «Non è vero e l’anello è suo: ha già anelli importanti, se dovessi pensare a un diamante per chiederle la mano, non so cosa dovrei inventarmi». E la Clerici sottolinea: «Il bello del nostro rapporto è che nessuno dei due ha interessi materiali a stare con l’altro». Ma Vittorio ama sorprendere.  «Comunque, mai dire mai. Per me, il matrimonio è un atto d’amore. Anto non ama le sorprese, ma io gliele faccio lo stesso».

© RIPRODUZIONE RISERVATA