Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

John Lennon, gli auguri social di Yoko Ono per gli 80 anni del marito scomparso

Venerdì 9 Ottobre 2020
John Lennon, gli auguri social di Yoko Ono per gli 80 anni del marito scomparso

Oggi John Lennon avrebbe compiuto 80 anni e a fargli gli auguri su Twitter è stata sua moglie Yoko Ono. «Buon Compleanno, John! Buon compleanno, Sean! Voi siete i miei angeli. Vi amo», sono queste le parole della fedele compagna dell'ex Beatles ucciso da un fanatico l'8 dicembre del 1980.

Leggi anche > Eddie Van Halen morto, il leggendario chitarrista aveva 65 anni: sconfitto da un cancro alla gola

Il post sul social è corredato da una foto in bianco e nero in cui lei, John e il figlio Sean si tengono per mano. L'augurio è rivolto a tutti e due i suoi uomini, perché padre e figlio erano nati lo stesso giorno. Non solo su Twitter però sono arrivati gli auguri ma anche sulla pagina Instagram di Yoko in cui si recita un vero e proprio inno alla pace che sarebbe sicuramente piaciuto al cantante.

«Ognuno di noi ha il potere di cambiare il mondo. Il potere funziona in modi misteriosi. Non dobbiamo fare molto. Visualizzate l’effetto domino e inizia a pensare PACE» scrive Yoko Ono sul suo profilo Instagram. «È ora di agire. L’azione è pace. Pensate la pace, agite, diffondete pace. Immaginate la pace. La pace è potere». 

John Lennon rimane una delle più potenti icone mai prodotte dalla cultura popolare, un uomo che grazie alle musica e al suo impegno per la pace ha cambiato il mondo. Fare parte dei Beatles, tra l'altro con il ruolo di fondatore, è stata già un'esperienza sufficiente per entrare nella storia ma lui, quando l'avventura con Paul, George e Ringo è finita, ha aggiunto una traiettoria umana e artistica di importanza capitale, basti pensare a un brano come Imagine.

Nato e cresciuto nella Liverpool proletaria degli anni della guerra e del dopo guerra, Lennon era, per sua ammissione, un teppistello, uno di quelli che i genitori consigliavano di non frequentare. E’ stato proprio lui a proporre a Paul McCartney di entrare nella sua band, i Quarrymen. I Beatles nascono poco tempo dopo, quando i quattro Quarrymen, reclutando alla batteria Pete Best, ottengono un ingaggio ad Amburgo: quando torneranno in Germania alla batteria ci sarà Ringo Starr, mentre Paul si dedica al basso. Il duo Lennon-McCartney resta una delle coppie autorali più importanti della storia, firmando canzoni, da Love me Do a Strawberry Fields Forever, che hanno fatto la storia della musica mondiale. E poi la scelta di sottrarsi alla vita folle dei tempi delle tournée e di abbandonare il palcoscenico per dedicarsi soltanto al lavoro in studio di registrazione. Con Yoko accanto ha conosciuto un’altra dimensione, di fatto è con lei che, dopo lo scioglimento dei Beatles, è nato il leader pacifista. Poi lo scioglimento dei Beatles. Lennon non perdonò mai a McCartney di aver annunciato la fine dei Beatles in un’intervista in cui parlava del suo album: non sono riusciti a fare pace, perché John è stato ucciso a 40 anni. Oggi Paul e Yoko si sono riavvicinati. Imagine è stata giudicata con un plebiscito la più grande canzone di sempre. Sono arrivati la paternità con Sean che ha avuto dal padre tutte le attenzioni che non ha mai avuto il primogenito Julian, l’impegno come uomo di pace. Inni come Give Peace a Chance e la celeberrima battaglia legale per ottenere la Green Card. Finalmente cittadino americano, viveva a New York al Dakota Building. L’8 dicembre segnerà il quarantennale della sua morte, ucciso da uno squilibrato.

Ultimo aggiornamento: 18:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA