Oliver Onions, Italia export: «Il nostro ritorno al futuro con le Memorabilia pop di Sandokan e Bud Spencer»

Giovedì 28 Ottobre 2021 di Federico Vacalebre
Oliver Onions, Italia export: «Il nostro ritorno al futuro con le Memorabilia pop di Sandokan e Bud Spencer»

Tra i rari prodotti canori italiani d'esportazione ci sono anche Guido e Maurizio De Angelis, alias gli Oliver Onions, «nome inglese perfetto per le nostre sonorità, ma soprattutto per il mercato internazionale a cui si rivolgevano i brani che scrivevano per il cinema. Non a caso quei film erano appannaggio di attori che si facevano chiamare Bud Spencer e Terence Hill, mica Carlo Pedersoli e Massimo Girotti, come all'anagrafe». I due fratelli romani di «Sandokan», «Orzowei», «Dune Baggy» e «Bulldozer», per dire solo i primi quattro titoli che ci vengono in mente, sono tornati: dalla seconda metà degli anni 80 avevano abbandonato, o quasi, la musica, facendosi produttori televisivi di successo («Elisa di Rivombrosa», «Incantesimo»), poi la morte di Bud Spencer li ha spinti ad organizzare nel 2016 un concerto in sua memoria a Budapest: «Sono venute 12.000 persone, commosse, trasformandoci in quello che non siamo stati mai, un gruppo dal vivo». E ora a rileggere i propri successi - 30 milioni di copie vendute nel mondo - in «Memorabilia», album in uscita domani, con complici come Tommaso Paradiso («Orzowei»), il vecchio amico Claudio Baglioni («Sandokan» con il violoncello di Tina Guo, solista favorita da Hans Zimmer), il tedesco Roland Kaiser («Santa Maria»), Elio e le Storie Tese («La la la la lalla (Coro dei Pompieri)», David Hasselhoff e, soprattutto, il compianto Bud Spencer («Banana Joe»). 

Senza risentimento, i De Angelis bros confessano «che il successo, le hit parade internazionali ci hanno ripagato del fatto che le radio non ci trasmettessero perché non facevamo politica». Erano gli anni 70, anche i film di Spencer & Hill erano ignorati da quell'intellighentia che oggi li sdogana con nostalgia canaglia. Nel 1965-66, ancor prima di formare gli Oliver Onions, i fratelli suonavano al Piper di Roma «I got you babe», cover di Sonny & Cher, quando una procace ragazza in minigonna baciò appassionatamente il tastierista Guido ed un energumeno lo strattono urlando: «È mia moglie». Lui era Sonny, lei era Cher. Maurizio, da parte sua, ricorda che è suo l'incipit chitarristico di «La bambola» di Patty Pravo e di storie da raccontare i due ne hanno davvero tante, compresa quella di quando incisero «Quoi»: «La melodia era così bella che sognammo di poter avere Jane Birkin al microfono. Successe. Ma ci mancava il testo. Lei chiamò Serge Gainsbourg, da cui era già divorziata. E gli chiese i versi, entro la serata. Successe. Poi un giorno Jane ci telefonò: Siamo primi in Francia».

Memorabilia dei fratelli De Angelis, pardon degli Oliver Onions.

© RIPRODUZIONE RISERVATA