Sanremo 2020. Ciclone Fiorello, il monologo sulla pipì all'Ariston: «C'è del piscismo...». Amadeus reagisce così

Venerdì 7 Febbraio 2020 di Emiliana Costa
Sanremo 2020. Ciclone Fiorello, il monologo sulla pipì fa impazzire l'Ariston: «C'è del piscismo»

Sanremo 2020. Ciclone Fiorello, il monologo sulla pipì fa impazzire l'Ariston: «C'è del piscismo». Dopo la pace con Tiziano Ferro sancita da un bacio sulla bocca, Fiorello torna sul palco con un monologo irresistibile sugli anni che passano.

LEGGI ANCHE Sanremo 2020, Fiorello duetta con Tiziano Ferro. Poi scatta il bacio in bocca: «Adesso devo divorziare»
 

 

«Ho quasi 60 anni - dice - quando ero ragazzino pensavo che i sessantenni fossero quasi morti. Che vivessero con la bara nel tinello. Adesso ce li ho io, ma ancora mi sento in forma. Solo che quando vai dal medico per dirgli che hai un dolore, non ti cura perché tanto hai 60 anni. Poi a 60 anni vai sempre a fare la pipì e ognuno la fa a modo suo. Certi maschi con entrambe le mani sui fianchi. Ma come fate? Non prendete la mira?». Amadeus non riesce a fermarsi dal ridere e sui social le sue risate diventano un cult.

Poi entra la leggenda Tony Renis ed è subito show. Il maestro dirige l'orchestra e Fiorello canta Quando Quando Quando. Applausi in sala.

Ultimo aggiornamento: 8 Febbraio, 00:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA