Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Carla Fracci, un anno dopo
una borsa per i ballerini ucraini

Venerdì 27 Maggio 2022 di Donatella Longobardi
Carla Fracci

Ad un anno esatto dalla scomparsa, oggi alle 18 presso il Gran Caffè Gambrinus in Piazza Trieste e Trento a Napoli, ricordo di Carla Fracci. L'incontro, voluto dagli Amici del San Carlo, prevede la partecipazione di Giuliana Gargiulo, giornalista, scrittrice, amica personale della grande étoile. Il loro primo incontro risale al primo settembre del 1958 a Milano. La Gargiulo recitava in scena nella compagnia di Eduardo De Filippo e Beppe Menegatti, futuro marito della ballerina, era suo assistente.

In quei giorni la Fracci affrontava il suo primo ruolo da protagonista alla Scala. Da allora il loro rapporto non si è mai interrotto intrecciando luoghi, persone e storie. Due vite parallele fino alla mattina in cui la grande ballerina è morta nella sua casa milanese e al suo capezzale, accanto ai familiari, c'era Giuliana Gargiulo, corsa da Napoli per salutarla un'ultima volta.

Nell'occasione, gli Amici del San Carlo, presieduti da Stefania Brancaccio, offriranno una borsa di studio per supportare l'attività di alcuni giovani danzatori profughi dall'Ucraina, ospiti della scuola di ballo sancarliana.

Video

Ultimo aggiornamento: 12:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA