E ora come la mettiamo con l’ondata dei salviniani in Rai?

Lorella Cuccarini
di Marco Castoro

0
  • 230
Salvini ha baciato il crocifisso. E almeno salverà l’anima. Molti dei nuovi conduttori del palinsesto di Rai1 hanno invece baciato il santino di Salvini conquistando un posto al sole nelle trasmissioni del mattino e del pomeriggio della rete ammiraglia di Viale Mazzini. I contratti sono stati firmati, quindi per questa stagione non succederà nulla, anche se il leader della Lega non fa più parte del governo. Tuttavia, c’è da immaginare che l’intera nuova ondata di conduttori avrà gli occhi addosso della critica e soprattutto dei colleghi esclusi dai giochi. Come è sempre accaduto in Rai, sia ai tempi del governo Berlusconi (ricordate Minzolini?) sia con Renzi premier (che occupò tutte le direzioni delle testate di Saxa Rubra).
I nuovi sono stati ribattezzati “sovranisti” perché non hanno nascosto le loro simpatie per l’ex ministro del Viminale. La squadra è stata formata dall’attuale direttore di Rai1, Teresa De Santis, che ha voluto un giro di valzer. Roberto Poletti, ex Mediaset, ha ottenuto la conduzione di Unomattina estate e poi è già stato confermato per l’edizione autunnale del contenitore dell’alba di Rai1. Per Unomattina in famiglia, in programma nel weekend, ad affiancare il veterano Tiberio Timperi ci sarà Monica Setta che non ha mai nascosto le sue simpatie salviniane. A La Vita in Diretta sono stati scelti Alberto Matano (Tg1) e la “neo sovranista” Lorella Cuccarini, che però non va dimenticato vanta anche un curriculum di tutto rispetto. E lo ha ribadito durante la conferenza stampa di presentazione del programma pomeridiano.
«Hanno raccontato il mio rientro in Rai come fossi l’ultima starlettina raccomandata – ha precisato Lorella - Non ho mai rinnegato quello che ho detto in passato e non lo farò certo ora, anche se le mie dichiarazioni sono state strumentalizzate». La Cuccarini – reduce dal flop in prima serata di Grand Tour (chiuso in anticipo dopo aver subito dei continui cambi di collocazione nel palinsesto) ha poi ricordato che «Qualche anno fa Domenica in Così è la vita batteva ogni settimana la concorrenza, eppure è stato cancellato. Io ero la conduttrice. Non mi pare di aver sentito persone indignate perché un programma che andava bene fosse stato chiuso. Avrei continuato a fare teatro se non avessi incontrato il direttore Teresa De Santis che mi ha chiesto di entrare a far parte della sua squadra». E la De Santis è pronta a difenderla a spada tratta, nonché a scommettere su di lei. Lo dimostra anche il fatto che lo Speciale Tg1 di mercoledì pomeriggio sia andato in onda aspettando la chiusura dell’intervista di Pierluigi Diaco a Lorella a Io e Te. Partenza in ritardo rispetto al competitor Enrico Mentana che aveva già corso diversi chilometri della sua maratona.
Giovedì 5 Settembre 2019, 13:25 - Ultimo aggiornamento: 05-09-2019 15:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP