De Gennaro suona la carica: «Pozzuoli,
chance da non perdere per la Scandone»

Domenica 29 Dicembre 2019 di Franco Marra
Non è stato un Natale di vacanza per la Scandone Avellino che, a differenza delle altre formazioni, non si è potuta fermare perché la Federazione ha stabilito che il match contro Pozzuoli, che non si è giocato per la caduta di alberi nei pressi degli accessi del palasport puteolano lo scorso 14 dicembre, dovrà essere recuperato domani sera. Ma, come ha sottolineato anche coach De Gennaro nella consueta conferenza stampa di presentazione della partita, non è stata una settimana tranquilla per la formazione biancoverde, peraltro «agitata» dal caso Erkmaa, che sembra sulla strada della risoluzione pacifica, senza le azioni legali paventate dall'agenzia del giocatore. Il play, diretto a Napoli in Legadue, dovrebbe giocare le ultime due gare del girone di andata contro Pozzuoli e Valmontone, prima di prendere la strada del capoluogo partenopeo. «Lunedì giochiamo a Pozzuoli una partita importante per noi, anche se lo sono tutte - esordisce coach De Gennaro -, data la nostra posizione in classifica in questo momento. Di conseguenza dobbiamo affrontare ogni partita come se fosse una finale scudetto, e per questo ci stiamo preparando, per mettere in campo una prestazione, sia dal punto di vista fisico che mentale, come quella contro Matera. E possibilmente dovremo cercare di farla durare per tutti i quaranta minuti e non solo per trentacinque». Il coach passa poi all'esame del lavoro svolto: «Questa settimana è stata un po' particolare perché purtroppo, ancora una volta, devo sottolineare di avere l'infermeria piena. De Leo non si è allenato per tutta la settimana, perché dopo la partita contro Matera ha riaccusato il dolore al retto femorale che gli aveva già creato qualche fastidio nei giorni precedenti. Valuteremo le sue condizioni e vedremo se tra oggi e domani riuscirà ad allenarsi. Ma è chiaro che in questo momento non potrà essere in forma al 100%. Discorso analogo per Bianco, che venerdì si è fermato per una contrattura e sabato per un virus intestinale, fastidi che lo hanno costretto a stare a casa. Rajacic invece si è aggregato ai compagni solo venerdì in quanto ha usufruito di un permesso concesso dalla società per tornare a casa in Serbia per almeno tre giorni». Inevitabile il passaggio di De Gennaro sulla situazione del playmaker estone: «Erkmaa è ancora un giocatore della Scandone. La società ci ha comunicato che avrebbe ripreso gli allenamenti con i compagni e che lunedì sarà nei dodici che giocheranno a Pozzuoli. Gli altri, invece, si sono allenati regolarmente, ad esclusione del 24 e 25 dicembre, che era doveroso concedergli come riposo». De Gennaro ha dedicato le ultime parole al match di lunedì sera: «E' una partita importante, anche se non voglio caricarla più di tanto. Ma è giusto che i miei giocatori siano consapevoli dell'importanza del match di Pozzuoli. Si tratta di un derby contro una squadra che in questo momento non vive una fase positiva. Nelle ultime due partite non hanno giocato Tredici e Marchini, che sono due giocatori importanti per loro. Non so se contro di noi ci saranno, ma dobbiamo comunque prepararci per affrontare al meglio la squadra al completo. Bisognerà stare attenti a Savoldelli, che secondo me è il loro leader assoluto, però anche Tredici è un ottimo giocatore e quindi, se giocherà, sarà un altro grattacapo per me. Attenzione anche a Marchini, Picarelli, Tomasello, ma tutti i giocatori senior sono di categoria, e fino a questo momento hanno fatto bene. Quindi, nonostante il momento difficile che stanno vivendo, sappiamo benissimo che contro di noi moltiplicheranno gli sforzi. E noi dovremo fare altrettanto».
© RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA