Scandone, c'è Scauri: si riparte
con la «guerra tra poveri»

Domenica 12 Gennaio 2020 di Franco Marra
Comincia il girone di ritorno del campionato di serie B di basket, e la Scandone Avellino ritorna al PalaDelMauro per affrontare il Basket Scauri. Il match è in programma alle ore 18, con direzione di gara affidata a Sordi e Quadrelli.
Sono passati un centinaio di giorni da quel 29 settembre, la data di esordio della Scandone nel torneo di serie B, che iniziò con la sconfitta per 89 a 74 per una squadra che aveva solo un paio di allenamenti nelle gambe, e con giocatori che a stento si conoscevano. Per i laziali fu la prima delle due vittorie conquistate nell'intero girone di andata, una in meno di quelle ottenute dalla Scandone. Dopo quel successo, sono arrivate sette sconfitte consecutive, che sono costate la panchina ad Andrea Masini, che non ha potuto così avere la gioia di un applauso che i tifosi irpini gli avrebbero tributato per i suoi trascorsi con la canotta biancoverde. Al suo posto è arrivato Leonardo Ortenzi, che nella sua gestione ha ottenuto in pratica gli stessi risultati del suo predecessore, con una vittoria, quella ottenuta sul campo dell'ultima in classifica Cassino, e sei sconfitte. Oggi, come è evidente, si tratta di uno scontro diretto molto importante per le due squadre, una partita che potrà dire molto sulle possibilità di salvezza di entrambe. La Scandone deve ritrovare la vittoria sul campo, che manca dal 27 novembre, quando a lasciare il PalaDelMauro da sconfitta fu il Corato. Da allora sono arrivate cinque sconfitte, l'ultima a Valmontone con una prova da dimenticare da parte dell'intero roster biancoverde. Coach De Gennaro dovrà fare a meno di Erkmaa, passato a Napoli, e di De Leo, che è ancora fermo ai box, bloccato da problemi muscolari, ed avrà quindi rotazioni ridotte, con qualche problema sia in cabina di regia che sotto canestro.
Ma a questa emergenza bisognerà abituarsi, visto che non ci potrà essere l'atteso e promesso intervento sul mercato, dopo il mancato pagamento da parte della gestione Sidigas dei lodi della passata stagione. Un comportamento che non può non essere stigmatizzato, anche perché, se solo ci fosse stata chiarezza qualche tempo fa, le risorse sarebbero state certamente reperite con l'impegno da parte dei tifosi, magari con una colletta, come accaduto in passato. Ma ora è inutile pensarci, perché bisognerà cercare di salvare questa squadra dalla retrocessione, e bisognerà farlo con questi giocatori, ai quali bisognerà trasmettere fiducia e serenità. A cominciare da oggi, contro una formazione, quella laziale, che ambisce al successo per cercare l'aggancio in classifica, che equivarrebbe ad un sorpasso, vista la vittoria dell'andata. Rispetto al match di fine settembre, Scauri può contare sull'apporto di Guadagnola, che è il miglior marcatore della squadra con oltre 15 punti di media nelle sette gare disputate, e che tira con il 47% da tre punti. Un atleta da tenere d'occhio, così come bisognerà fare attenzione ad Artuso, autore di 25 punti con il 57% da tre punti nel derby perso domenica scorsa in casa contro Formia. La Scandone dovrà puntare sui propri atleti migliori, ma ci sarà la necessità di avere l'apporto da parte di tutti.
© RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA