L'Nba torna in campo il 3 aprile:
le stelle si sfidano al videogame

Martedì 31 Marzo 2020 di Gianluca Agata
Una sfida a  NBA 2K

L'Nba torna in campo il 3 aprile ma solo in maniera virtuale. Sarà un torneo a 16 squadre, ognuna delle quali affidata a un giocatore NBA, che si daranno battaglia a NBA 2K. La lega avrebbe raggiunto un accordo con il network ESPN per trasmettere in tv le sfide che vedranno alcuni giocatori NBA sfidarsi al videogame NBA più famoso e usato in circolazione. Tra i nomi confermati quelli di Donovan Mitchell, guarito pochi giorni fa dal Coronavirus, e DeMarcus Cousins. Ogni giocatore sarà al sicuro tra le mura di casa propria ma offrirà ai tifosi in astinenza ciò che oggi c’è di più vicino a una reale partita NBA. Non è da escludere la presenza di Anthony Davis e Giannis Antetokounmpo, gli ultimi due atleti ad essere comparsi sulla cover di NBA 2K. Sarebbe un torneo pieno di stelle, quasi come nella realtà.
In mancanza di basket giocato, una bella notizia per tutti gli appassionati. Intanto, le stelle – tra cui Stephen Curry di Golden State a Chris Paul degli Oklahoma City Thunder – si mobilitano per raccogliere fondi da destinare all’emergenza. Oltre 115 giocatori hanno deciso di donare un oggetto personale per una lotteria denominata “Athletes for relief” organizzata con l'intento di raccogliere fondi da destinare alla lotta contro il Covid-19.

© RIPRODUZIONE RISERVATA