Progetto per chiudere la stagione Nba:
squadre e campo in hotel a Las Vegas

Sabato 28 Marzo 2020 di Gianluca Agata
Foto profilo Twitter Nba
L'Nba starebbe pensando a concludere una stagione in una o al massimo due città  creando le condizioni di sicurezza, a livello di arene, campi di allenamento, alberghi e test per il coronavirus, per poter ricominciare a disputare partite e finire il torneo. Secondo quanto riportato da Brian Windhorst di ESPN, una delle città prescelte potrebbe essere Las Vegas, che ospita già la Summer League della NBA al Thomas & Mack Center e al Cox Pavilion, ma senza disdegnare l’opzione di creare un campo in uno dei mastodontici alberghi della Strip in modo da tenere le squadre sotto un unico “tetto”. Un altro posto suggerito è quello delle Bahamas, sempre replicando il campo in una delle enormi sale di un albergo in modo da poter trasmettere le partite. E un’altra opzione vede la NBA trasferirsi in blocco in un campus universitario del Midwest, dove per ora i casi di COVID-19 sono significativamente più bassi rispetto al resto del paese. L’idea di avere un’unica location dove le squadre possano dormire, allenarsi, mangiare e rimanere in salute per poter quantomeno ricominciare a giocare sembra la più percorribile, ma si tratta comunque di una sfida. Quello che è certo è che si ricomincerà senza tifosi sugli spalti e con il minor numero di persone possibili coinvolte. Foto profilo twitter Nba © RIPRODUZIONE RISERVATA