Montella perde il padre Nicola:
lo voleva falegname a Pomigliano

Venerdì 6 Novembre 2020 di Vanni Zagnoli
Montella perde il padre Nicola: lo voleva falegname a Pomigliano

Lutto per Vincenzo Montella, in mattinata ha perso il padre Nicola.

L’ex centravanti della Roma del terzo scudetto era molto legato al genitore, che in realtà avrebbe voluto vedere il figlio falegname, a Pomigliano d’Arco. Quando Vincenzo aveva solo 12 anni, lo lasciò comunque andare all’Empoli, per raggiungere l’amico Nicola Caccia, che l’ha sempre seguito, come viceallenatore. Papà Nicola inizialmente pensava che fosse troppo piccolo per un'esperienza calcistica di tale portata, preoccupato come ogni genitore. Nicola Montella si divideva fra la catena di montaggio della Fiat a Pomigliano, appunto, e la falegnameria. I Montella abitano ancora nella palazzina di un tempo, a Castello di Cisterna, sempre in provincia di Napoli.

Attraverso i canali ufficiali sono giunte all’aeroplanino le condoglianze di Fiorentina e Sampdoria. Enorme l'affetto mostrato dai tifosi viola, che lo come tecnico dal 2012 al 2015 e anche nel 2019, e in generale da tutti gli appassionati di calcio, sui social.

L’allenatore di 46 anni è stato legato a Rita Iannaccone, a lungo personaggio di Quelli che il calcio, su Rai2: gli ha dato il primo figlio, Alessio. Nel 2010 sposò invece a Las Vegas Rachele di Fiore, una delle ospiti fisse dell’allora Vieni da Me, di Caterina Balivo. La coppia ha avuto due figli. 

Nel frattempo Vincenzo aveva lasciato il calcio giocato, nel 2009, a 35 anni, nella Roma, per cominciare ad allenare. Nel settore giovanile giallorosso, poi il subentro a Ranieri, il passaggio a Catania con una stagione eccellente. La chiamata della Fiorentina, poi il subentro alla Sampdoria, la chiamata del Milan, il passaggio al Siviglia, in Spagna, e il ritorno in viola. Dov’è di nuovo fra i possibili tecnici, in caso di esonero di Beppe Iachini.

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 08:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA