Benevento, corsa a 5 per il tridente
da schierare contro il Cremona

Mercoledì 13 Ottobre 2021 di Luigi Trusio
Benevento, corsa a 5 per il tridente da schierare contro il Cremona

Cinque interpreti per tre posti. Tra Moncini, Sau, Insigne, Elia e Brignola vanno scelti i componenti del tridente da schierare a Cremona. Con Caserta che sembra ormai orientato a proseguire col 4-3-3 (almeno per adesso, ovvero fin quando non tornerà disponibile Improta) ci sono alcuni nodi da sciogliere in merito alla formazione.
L'allenatore non intende sbilanciarsi fino a quando non saranno tornati i nazionali, ma i cinque papabili sono rimasti ad allenarsi con lui per tutta la scorsa settimana e sono perfettamente arruolabili anche in quella corrente. Ergo, un'idea se l'è già fatta sulle condizioni di ciascuno.
Nella veste di centravanti Sau è da considerare favorito rispetto a Moncini, questo perché oltre ad essersi rimesso in maniera completa, il sardo è apparso pimpante nelle ultime sgambature. Ma l'aspetto più importante è che, come accaduto ad Ascoli, Caserta per il tipo di avversario e di partita che si andrà ad affrontare predilige un centravanti meno statico e più mobile, un attaccante perimetrale che sia in grado di spaziare su tutto il fronte offensivo senza offrire punti di riferimento agli avversari e senza occupare l'interno dei sedici metri in modo permanente.

Dunque meglio una punta di manovra che una d'area di rigore, o almeno questo sembra essere il pensiero di Caserta ad oggi. Ai lati sono in tre a giocarsi due maglie. Insigne, Elia e Brignola. Per questioni legate ad un più costante utilizzo, all'adattamento e all'affidabilità i primi due sono leggermente avanti al ragazzo di Telese. Ma Brignola non va escluso a prescindere in quanto già a Como aveva avuto la chance per scendere in campo dall'inizio salvo poi essere richiamato in panchina dopo soli 20 minuti a causa dell'improvvisa espulsione di Glik. Nella successiva sfida con il Perugia il tecnico gli ha concesso solo il quarto d'ora finale.

Ionita e Glik ieri sera sono scesi in campo entrambi nell'undici di partenza con Moldavia e Polonia contro Israele e Albania. Il loro rientro in Italia è previsto per oggi, ma saranno disponibili per aggregarsi al resto dei compagni soltanto da domani. Titolare anche Giuseppe Di Serio al «Benito Stirpe» di Frosinone nella terza gara del torneo «8 Nazioni» contro il temibile Portogallo terminata 1-1. Per l'Italia Under 20 di Alberto Bollini una pari con grandi impianti per non aver saputo sfruttare la superiorità numerica per quasi tutto il secondo tempo (espulso il lusitano Amaro al 52'). L'attaccante giallorosso ha giocato in tutto 75 minuti facendo salire la squadra, agendo da sponda e mettendosi al servizio dei compagni ma senza avere occasioni importanti. L'Italia resta prima nel girone con 5 punti in 3 gare, mentre Di Serio in serata è già rientrato nel Sannio e da oggi tornerà a disposizione di Fabio Caserta.

La Curva Sud Benevento intanto ha chiesto al club giallorosso, attraverso una nota pubblicata sul proprio profilo Facebook, di aprire la campagna abbonamenti non appena sarà ufficiale l'aumento della capienza degli stadi, ossia quando questa sarà portata al 75% e quindi ci sarà la possibilità di portare il «Ciro Vigorito» fino a 9650 spettatori.
«L'aumento della capienza degli stadi - scrivono i rappresentanti del tifo organizzato - ci lascia ben sperare in vista di una riapertura totale. In virtù di ciò chiediamo al Benevento Calcio la possibilità di dare il via alla campagna abbonamenti, anche in un formato ridotto di partite da rinnovare di volta in volta. Sarà un modo per favorire un numero maggiore di spettatori, andando anche a tutelare le tasche di tutti. Lodevole l'iniziativa di permettere l'ingresso gratuito a tutti i ragazzi con un'età inferiore ai 14 anni ma, allo stesso tempo, sarebbe altrettanto positiva una possibile fidelizzazione che, come detto, potrà creare vantaggi sotto tutti gli aspetti. La Curva Sud sarà presente allo stadio sia con biglietti che con abbonamenti, ma quest'ultimo rappresenta sempre uno strumento importante per tutta la piazza e anche per sentirsi parte maggiormente del progetto. Detto questo, domenica ci vediamo a Cremona! Avanti Curva Sud».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA