Juve Stabia-Turris: i corallini espugnano
il Menti dopo oltre trent'anni

Juve Stabia-Turris: i corallini espugnano il Menti dopo oltre trent'anni
di Gaetano D'Onofrio
Domenica 11 Settembre 2022, 20:39
3 Minuti di Lettura

E’ la Turris ad aggiudicarsi l’atteso derby del Romeo Menti con la Juve Stabia. Due gol nella ripresa per i corallini che capitalizzano così una prestazione di qualità, a dispetto di una squadra, quella di Colucci, che mette a nudo le difficoltà negli ultimi venti metri dove Pandolfi, nonostante le occasioni avute non sempre sembra avere feeling con i compagni. E’ la Juve Stabia, alla prima dinanzi al pubblico di casa (la curva applaude la squadra a fine derby sotto la curva), a partire con il piede giusto. Un minuto appena e Pandolfi costringe Perina ad una respinta corta su cui, però, Altobelli, non riesce ad intervenire se non calciando sul fondo. E’ fuoco di paglia, perché in quindici minuti è Giannone ad impegnare Barosi in due occasioni. Cinaglia chiude il promo tempo calciando alto. Nella ripresa si capisce da subito che il derby è nato sotto una cattiva stella. Quattro minuti e Maniero costringe Pandolfi a salvare sulla linea con un colpo di testa. Al 9’ passano i corallini: Ercolano dal limite crossa per Leonetti che deve svolgere un compitino facile facile e piazzarla alle spalle di Barosi. Pandolfi (18’) ci prova, ma trova solo la traversa. Alla mezzora Tonucci trova il secondo cartellino giallo colpendo un avversario in area torrese, e termina la gara anzitempo. Ed alla prima occasione la Turris, con Haoudi, piazza il colpo del ko. Contropiede rapidissimo e diagonale preciso per il 2-0 che taglia le gambe ai padroni di casa. Soddisfatto Padalino. “La dedica va a chi non è potuto venire – queste le sue parole -. Sono contento di quest’avvio della mia squadra che sta confermando di essere un organico importante per la categoria. Ma come quello della Juve Stabia, ci sarà da sudare in un campionato difficile. E’ stato un del derby, credo che alla distanza abbiamo anche fatto qualcosa in più dimostrando di meritare la vittoria”. Dispiaciuto, invece, Colucci, che teneva al risultato: “Si, è vero. Lo volevamo regalare alla curva, ai ragazzi che ci hanno applaudito a fine partita. Dispiace per loro, ma la squadra, onestamente, non mi è dispiaciuta. Almeno fino ai primi cinquanta minuti. Poi, i primi dieci della ripresa sono stato fatali, ed alla distanza, mettici anche l’espulsione, non siamo riusciti a riprenderla”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA