Simona Izzo e Ricky Tognazzi: «Sposati da 36 anni. Lui non voleva, ma l'ho convinto così...»

Giovedì 17 Giugno 2021
Simona Izzo e Ricky Tognazzi: «Sposati da 36 anni. Lui non voleva, ma l'ho convinto così...»

Simona Izzo e Ricky Tognazzi ospiti a "Oggi è un altro giorno". La coppia, sposata da 36 anni, si è raccontata nel salotto di Serena Bortone. «Lei stava dirigendo un film – ha ricordato Ricky Tognazzi, parlando del loro primo bacio - e quindi ordinava di fare delle cose. Un giorno mi ha “ordinato” di darle un bacio e da lì è iniziata. Un matrimonio di oltre trent’anni è una cena luculliana dove ti danno il dolce all’inizio, i primi tempi naturalmente sono stati i più belli, anche se non eravamo sposati ma solo fidanzati».

Francesco Venditti, «Mia figlia si è innamorata di una ragazza»: il gesto d'amore del padre raccontato a Oggi è un altro giorno

Il matrimonio

Il grande passo, però, non è stato immediato. Simona Izzo ha spiegato perché: «Undici anni a chiedere il matrimonio. Non si era sposato, io avevo avuto il divorzio da Venditti e chiedevo il grande passo, anche per i nostri figli, mentre c'era mio padre che mi accusava di essere una concubina. Insistere funziona, è una teoria che si può applicare a tutto e di mio sono molto sfacciata. Nella vita non ho mai avuto paura di chiedere e in amore ho applicato lo stesso comportamento. Ho approfittato di un lungo viaggio a Nizza in macchina, verso Genova ha ceduto ma abbiamo rischiato l’incidente…. Noi non siamo proprio le classiche due mezze mele, perché lui in realtà e più un melograno, ha i semi dentro. Fuori è coriaceo e dentro è dolce…».

Il lavoro

Tognazzi e Izzo sono una coppia anche sul lavoro: insieme hanno diretto di recente la mini-serie tv “Svegliati amore mio”, con Sabrina Ferilli, che ha riscosso  grande successo. «È una sintesi fra le nostre tesi – ha spiegato Simona - ma lui alla fine è convinto che in realtà sia sempre e solo la mia idea a prevalere. Si lamenta continuamente ma dovrebbe ringraziare il cielo di avere al suo fianco una donna come me!».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento