Movida a Benevento, notte di violenza:
due ragazzi feriti, uno è grave

Giovedì 23 Settembre 2021
Movida a Benevento, notte di violenza: due ragazzi feriti, uno è grave

Due feriti per un'aggressione nel centro storico. Un giovane di 27 anni, M.D., è in prognosi riservata per un trauma cranico, mentre un 17enne ha riportato ferite a una spalla ritenute guaribili in pochi giorni. I carabinieri hanno identificato l'aggressore che nel pomeriggio si è presentato presso il Comando di via Meomartini, dove è stato interrogato alla presenza dell'avvocato Antonio Leone e del sostituto procuratore Francesco Sansobrino. Al termine dell'interrogatorio l'aggressore, un operaio di 20 anni, è stato denunciato per lesioni gravi. Secondo un prima ricostruzione, intorno alle due di notte, in piazza Piano di Corte il 27enne è stato aggredito. Botte da orbi con qualche colpo che ha raggiunto anche il minore. Alla fine il giovane è caduto a terra e alle ferite provocate dalla colluttazione si è aggiunta anche quella alla testa, dopo essere caduto violentemente sul selciato. Subito è scattato l'allarme: sul posto sono giunti i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Benevento e due ambulanze del 118. I due feriti sono stati trasportati al pronto soccorso del «San Pio».


Ora secondo la ricostruzione fornita dall'aggressore, il ferito stava litigando con un'altra persona per motivi al momento sconosciuti. L'operaio, a suo dire è intervenuto, si sarebbe adoperato per sedare la lite, ma ne è nata un colluttazione con il 27enne che ha avuto la peggio. Chiaramente i carabinieri dopo aver denunciato il ventenne proseguono nelle indagini per ricostruire ciò che è accaduto e che ha riproposto il problema della movida in centro storico.

Video


Tra i primi a intervenire il sindaco Clemente Mastella: «L'aggressione in centro storico - dice - e il giovane in condizioni di salute definite gravi dalla stampa pongono sul tavolo della riflessione il tema della sicurezza. Noi non abbiamo abbassato mai la guardia su questo aspetto. E siamo stati aspramente criticati anche in questo. Episodi del genere, anche tragici, avvengono ovunque sempre più di frequente in tante città. Ma a Benevento suona davvero strano che possano verificarsi simili fatti. E non è questione di movida o non movida. È un tema di civiltà. I nostri giovani sono un esempio di correttezza. Quanto accaduto è sconcertante. Per questo auspico un intervento delle forze dell'ordine e della magistratura, cui va il nostro sostegno per fare luce sull'accaduto presto e bene, in maniera anche da scongiurare il ripetersi di simili episodi e restituire quel senso di sicurezza che tutti, a cominciare dai nostri giovani, meritano». «Benevento - continua Mastella - deve restare una città sicura così come desiderano i suoi cittadini. Soprattutto quelli del centro storico che spesso subiscono le conseguenze negative di vari eccessi francamente evitabili. Su queste cose non ho ascoltato nulla dai miei competitori. Su quanto ha fatto e fa la polizia municipale ad esempio. Essi sono troppo impegnati a denigrare per rendersi conto delle priorità reali della città. Per noi la sicurezza è una priorità assoluta. Benevento è al quinto posto in Italia nella classifica delle città più sicure. Non consentiremo a nessuno di farci retrocedere. Per intanto, sto seguendo la situazione, anche sul piano ospedaliero». Sull'accaduto è intervenuta anche la candidata a sindaco del centrodestra Rosetta De Stasio: «La nostra città ha un problema serio di sicurezza». Dopo aver ricordato alcuni episodi di recente verificatisi al rione Ferrovia ha aggiunto che «in tutte le zone della città vengono effettuati furti nelle abitazioni, vengono posti in essere atti di vandalismo in danno dei monumenti della città e il centro storico viene utilizzato come immondezzaio e orinatoio pubblico. E necessaria la redazione di un protocollo di intesa e collaborazione tra il Comune e gli esercenti dei locali, bar ristoranti non solo del centro storico, per il rispetto degli orari di chiusura e la somministrazione degli alcoli a minori. I vigili urbani sono latitanti, le forze dell'ordine sono irreperibili e non disponibili. Certamente c'è una carenza nel corpo dei vigili urbani e delle forze dell'ordine. Pertanto il sindaco, che pensa alla campagna elettorale, il prefetto e il questore dovrebbero richiedere ulteriore personale in via provvisoria».
De Stasio oggi, alle 17,30 affronterà il nodo sicurezza con il sottosegretario agli Interni Molteni, che incontrerà nello spazio antistante il ristorante «Moscovio», la candidata e Luigi Bocchino, capolista di «Prima Benevento».

Ultimo aggiornamento: 20:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA