Napoli, infermiera picchiata al Cardarelli da marito e moglie: «Stai trascurando nostra figlia»

Sabato 5 Dicembre 2020
Napoli, infermiera picchiata al Cardarelli da marito e moglie: «Stai trascurando nostra figlia»

Notte movimentata all'ospedale Cardarelli di Napoli dove un'infermiera è stata picchiata. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, ai quali l'infermiera ha fatto un racconto dettagliato. Gli aggressori sono due coniugi che si erano già recati in ospedale il giorno prima e anche in quel caso era nata una discussione, non sfociata in aggressioni fisiche. Alle due di questa notte, invece, l'episodio più grave. L'infermiera è stata aggredita da una coppia, marito e moglie, preoccupata per per le condizioni di salute della loro figlia ventenne che lamentava dolori al petto. I due hanno aggredito l'infermiera cinquantacinquenne prendendola a calci e pugni. La donna è stata medicata e giudicata guaribile in 10 giorni. I due aggressori saranno denunciati per percosse e lesioni, mentre sono in corso indagini per identificare altre due persone che accompagnavano i coniugi.

 

<div class="flourish-embed flourish-bar-chart-race" data-src="visualisation/3576882" data-url="https://flo.uri.sh/visualisation/3576882/embed" aria-label=""><script src="https://public.flourish.studio/resources/embed.js"></script></div>

 

Luca Rocco: «Mio padre morto per il Covid, e c'è chi si lamenta perché non può andare al ristorante...»

Ira Cardarelli

«Quanto avvenuto stanotte è di una gravità inaudita. Un episodio inqualificabile che non può e non deve restare impunito. Alla nostra infermiera e alla sua famiglia va la solidarietà dell'intera Azienda Ospedaliera. Siamo pronti a costituirci Parte Civile e decisi a fare quanto in nostro potere per far sì che gli autori di questa violenza siano individuati e perseguiti». Così, in una nota, la Direzione Strategica dell'Azienda Ospedaliera Antonio Cardarelli di Napoli in merito all'aggressione di questa notte. «La sicurezza dei nostri operatori è da sempre una priorità assoluta, un obiettivo che perseguiamo tramite il servizio di vigilanza provata, ma anche di concerto con le forze dell'ordine», si sottolinea.

© RIPRODUZIONE RISERVATA