Zona gialla, Sicilia, Sardegna e Calabria a rischio da lunedì. Coprifuoco, ristoranti e green pass: come cambiano le regole

Martedì 17 Agosto 2021 di Francesco Malfetano
Tre regioni a rischio giallo da lunedì. Ristoranti, Green pass e coprifuoco: come cambiano le regole

Per il ritorno delle zone gialle in Italia ormai è solo questione di giorni. Ieri infatti la Sicilia ha compiuto l'ennesimo passo verso il superamento le soglie considerate "critiche" per l'occupazione dei posti letto in terapia intensiva Covid e nei reparti di area medica. Sull'isola le prime sono al 9 per cento mentre i reparti ordinari al 15 (con un'incidenza dei contagi a 140), a fronte di un limite massimo fissato per decreto, per restare zona bianca, al 10 per cento per la rianimazione e al 15 per cento per l'area medica nel caso in cui l'incidenza settimanale superi 50 casi ogni 100mila abitanti. In altri termini appunto, complici feste abusive e rave party come denunciato anche dal governtore siciliano Nello Musumeci, il ritorno in zona gialla a partire dal 23 agosto è già quasi una certezza. Se la tendenza attuale dovesse confermarsi, l'Isola dovrebbe poi essere seguita - tra 15 giorni - dalla Sardegna. Ma a rischiare di dover salutare presto la zona bianca, per gli stessi motivi siciliani, ci sono anche la Calabria e, un po' più distante, anche la Toscana

Sicilia, sospesa ordinanza su obbligo green pass negli uffici pubblici

Zona gialla, come cambiano le regole 

In pratica prima della fine dell'estate diverse regioni potrebbero trovarsi a fare i conti nuovamente con le (fortunatamente poche) restrizioni salutate a partire dal mese di maggio. Ad esempio, al netto di ordinanze locali in essere anche oggi, la sola vera differenza è che in zona gialla all'aperto tornerebbe l'obbligo di indossare la mascherina a protezione delle vie respiratorie. Nessuna nuova limitazione invece per quanto riguarda i viaggi (i limiti scattano con le zone rosse o arancioni), tenendo però sempre conto della novità del Green pass che sarà obbligatorio dal primo settembre sui trasporti a lunga percorrenza (aerei, navi e treni).

Coprifuoco ed eventi

Allontanato anche lo spauracchio del coprifuoco: dal 21 giugno scorso infatti la limitazione oraria agli spostamenti è stata abolita anche in zona gialla. Allo stesso modo, fermo restando l'obbligo di avere con sé il Green pass per accedere a numerosi servizi e attività, cambierebbe poco o nulla per bar, ristoranti o alberghi. 

A subire però il passaggio da una fascia di rischio all'altra sarebbero cinema, teatri e stadi. In base all'ultimo decreto governativo - il testo di metà luglio - in zona gialla la capienza delle sale e degli spalti è ridotta rispetto al bianco (al 50% e comunque mai più di 1.000 spettatori al coperto e 2.500 all'aperto, contro le 5.000 persone consentite oggi all'aperto e le 2.500 al chiuso). 

 
 

Ultimo aggiornamento: 19 Agosto, 11:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA