G20 Napoli, via al vertice di Palazzo Reale ​ed è subito protesta: blitz dei centri sociali nel porto commerciale

Giovedì 22 Luglio 2021
G20 Napoli, via al vertice di Palazzo Reale ed è subito protesta: blitz dei centri sociali nel porto commerciale

Prende il via il G20 a Napoli. E scatta subito il blitz di attivisti dei movimenti ambientalisti e dei centri sociali nel porto commerciale. La protesta avviene durante l'apertura dei lavori del vertice su ambiente, clima ed energia che si svolge a Palazzo Reale.

Il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani chiamato a fare gli onori di casa: riceve sullo Scalone i colleghi che partecipano alla ministeriale di due giorni. In mattinata anche il meeting con l'inviato speciale del presidente Usa per il clima John Kerry e, a seguire, con la collega francese Barbara Pompili«Primo incontro con Climate Envoy in questo G20 Ambiente, Clima ed Energia: Italia e Usa insieme per un'alta ambizione e per azioni stringenti in questa decade per tenere la temperatura del pianeta a 1,5 gradi», twitta il Mite. Dalle 10 i tavoli di lavoro incentrati sulla tutela di ecosistemi e biodiversità. Domani i temi più spinosi e divisivi: clima, energia e decarbonizzazione.

Intanto, i manifestanti espongono uno striscione con la scritta «Stop G20» e «Lavoro salute ambiente la lotta è una sola, insorgiamo» nel porto.  «Blocchiamo il polo strategico di tutto il Mediterraneo», affermano i disoccupati del Movimento 7 Novembre. «La circolazione delle merci è attualmente uno dei fattori più inquinanti, da quella su gomma a quella su mare. Troppo spesso lavoratori e lavoratrici sono stati costretti a scegliere tra la disoccupazione e la tutela della vita e della salute».

«L'emergenza climatica sta diventando sempre più grave». A lanciare l'allarme è Legambiente, rivolgendosi all'esecutivo Draghi. Questo il messaggio: «È ora di dire basta al tempo delle contraddizioni e di passare dalle parole ai fatti». L'associazione segnala, tra l'altrp, 256 le persone vittime del maltempo dal 2010 a oggi. A questo si aggiunge l'evacuazione di oltre 50mila cittadini a causa di frane e alluvioni. «I prossimi dieci anni - spiega Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente - saranno decisivi. Torniamo a ribadire l'urgenza di arrivare in prima battuta all'azzeramento dei sussidi statali ai combustili fossili. Parliamo di 35,7 miliardi di euro sottratti a investimenti in innovazione ambientale e utili a uscire dalla crisi economica e sociale che il Paese sta attraverso da inizio pandemia».

Video

Ieri pomeriggio un gruppo di circa 50 attivisti era riuscito anche varcare la soglia della «zona rossa» entrando in piazza Plebiscito ed esponendo striscioni contro il G20. 

Ultimo aggiornamento: 16:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA