Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, Chiaiano: aggredisce con forbici addetti alla vigilanza, arrestato 29enne gambiano

Lunedì 6 Giugno 2022
Napoli, Chiaiano: aggredisce con forbici addetti alla vigilanza, arrestato 29enne gambiano

Ieri mattina gli agenti dell’ufficio prevenzione generale, durante il servizio di controllo del territorio, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti presso la stazione Anm di via Emilio Scaglione per la segnalazione di un’aggressione.

I poliziotti, giunti sul posto, sono stati avvicinati da un addetto alla vigilanza il quale ha raccontato che, poco prima, insieme ad altri colleghi era stato aggredito da un uomo che ai tornelli di accesso alla stazione era privo della mascherina ed aveva estratto un paio di forbici da un marsupio che aveva indosso; in quei frangenti, l’uomo era riuscito a raggiungere i binari da dove aveva cominciato a lanciare dei sassi bloccando anche la circolazione del convoglio.

La guardia giurata ha altresì raccontato che l'aggressore, dopo essere risalito sulla banchina, aveva continuato a minacciarli brandendo le forbici. Gli operatori si sono avvicinati alla persona segnalata riuscendo, non senza difficoltà, a bloccarla e disarmarla; inoltre, una volta accompagnata presso gli uffici di polizia, ha proseguito nella sua condotta continuando ad inveire contro i poliziotti e prendendo a calci una porta. K.U., 29enne gambiano con precedenti di polizia e irregolare sul territorio nazionale, è stato arrestato per resistenza a Pubblico Ufficiale, danneggiamento, lesioni aggravate nonché denunciato per interruzione di pubblico servizio, minacce e porto di oggetti atti ad offendere. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA