Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Dodicenne sfregiata a Napoli, fermo convalidato per il 17enne: «Ma io sono pentito»

Venerdì 15 Luglio 2022
Dodicenne sfregiata a Napoli, fermo convalidato per il 17enne: «Ma io sono pentito»

«Sono pentito, chiedo scusa»: ha risposto alle domande dei magistrati e si è mostrato rammaricato il 16enne accusato di avere sfregiato la sua ex fidanzatina 12enne la notte tra l'11 e il 12 luglio scorsi, nella zona di Montesanto, a Napoli. Oggi per lui è stato convalidato il fermo. Lo hanno portato nel carcere minorile di Nisida.

Durante la sua permanenza nel centro di prima accoglienza dei Colli Aminei di Napoli, nel quale ha trascorso i giorni successivi al fermo notificatogli dai carabinieri, il ragazzo, fa sapere il suo legale, l'avvocato Domenico Dello Iacono, ha scritto di suo pugno e inviato alla ragazzina un'accorata lettera di scuse. Il gip del Tribunale per i minorenni di Napoli Paola Brunese, al termine di una lunga udienza, ha convalidato il provvedimento di fermo emesso dalla Procura dei minorenni e disposto per lui la custodia in un istituto per i minori. Nel corso dell'interrogatorio, il ragazzo, legato da vincoli di parentela con una nota famiglia criminale del centro città, ha sottolineato, innanzitutto di non avere assolutamente premeditato l'aggressione, scattata invece d'impulso, a causa di alcune foto pubblicate sui social che ritraevano la ragazzina insieme con un altro giovane.

Il 16enne ha spiegato che l'incontro, quella notte, è stato del tutto casuale: i due si sono incrociati mentre erano in scooter. Lui le ha chiesto spiegazioni su quei post, ritenendo che stessero ancora insieme e che l'avesse tradito. Ne è nata una discussione culminata con un fendente inferto non con un coltello, ha spiegato, ma con un taglierino che teneva agganciato alle sue chiavi. Al 16enne viene contestato l'articolo 583 quinquies del codice penale, reato che punisce con la reclusione fino a 14 anni chi viene condannato per avere provocato una deformazione dell'aspetto della persona mediante lesioni permanenti al viso.

Ultimo aggiornamento: 16 Luglio, 06:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA