Napoli, la seicentesca fontana di Monteoliveto ritorna discarica della movida

Napoli, la seicentesca fontana di
Monteoliveto diventa discarica
di Eduardo Improta

In tanti si indignano nel vedere uno dei monumenti più belli di Napoli: la storica fontana del 600 di Monteoliveto, conosciuta anche come la fontana di Re Carlo II, trasformata in una discarica a cielo aperto.

Nel mese di agosto scorso la seconda municipalità, presieduta da Francesco Chirico ha lanciata la campagna di sensibilizzazione «Amiamo le nostre strade e i nostri territori, contribuiamo a renderli vivibili e non delle discariche a cielo aperto» che non sembra aver avuto successo perché rimasta inascoltata.
 
 

«Sono immagini inaccettabili e purtroppo non sono le sole e le prime – affermano Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale di Verdi e il conduttore radiofonico Gianni Simioli che questa mattina sono andati sul posto dopo l'ennesima notte di vergogna. Ancora una volta la fontana di Monteoliveto è stata trasformata in una discarica a cielo aperto e imbrattata senza pietà. C'è un tanfo terribile dovuto al mix tra alcolici e urina. Infatti risulta che alcune persone oramai urinano nel sito dopo aver bevuto. Centinaia di bottiglie di alcolici e super alcolici con rifiuti di ogni tipo sono state gettate nella vasca del monumento. Sono proprio i napoletani a non avere contezza delle bellezze che la città possiede a cui va destinata l’attenzione di tutti. Comportamenti irrispettosi non premiano nessuno. Avere cura della città vuol dire evitare usi e costumi da terzo mondo e aprirci a un turismo in costante aumento che può significare crescita economica. I cittadini siano rispettosi dei tesori della città a vocazione turistica. Imparino a distinguere un monumento da un sacchetto della spazzatura».

«Napoli merita cittadini migliori - hanno aggiunto Borrelli e Simioli - che sappiano collaborare per trasformare la capitale del Mezzogiorno in una meta ambita da tutti e non in un luogo di cui vergognarsi. Bisogna subito ripulire il monumento e istallare delle cancellate protettive in ferro battuto, così come già esisteva fino agli inizi del ‘900, per evitare nuovi scempi come noi chiediamo da tempo».

Sono tanti i cittadini che si chiedono come mai, tanto scempio e degrado, neppure le tre telecamere di sorveglianza con obiettivi a 360 gradi, installate a pochi metri dalla fontana, funzionano come deterrente per scongiurare il deturpamento del monumento.
Domenica 17 Giugno 2018, 15:57 - Ultimo aggiornamento: 17-06-2018 16:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-06-18 14:59:26
Una città di Lazzaroni che però se va a Zurigo o Vienna si guarda bene da usare lo stesso sistema, e allora è anche il senso di impunità che a Napoli e in Italia in genere permette la totale anarchia.
2018-06-18 10:27:11
E qui Cr8 c'entra poco. Ma a Napolistan incrementa l'abitudine all'inciviltà.
2018-06-17 21:55:51
Sono convinto che non esiste al monto una città in cui ci sia una tale mancanza di rispetto per il proprio patrimonio storico come a Napoli. Un tale livello di degrado probabilmente esiste all'interno di qualche bidonville di qualche paese africano (ma in quel caso non c'è patrimonio storico rilevante). Penso sia un problema del regime di governo Italiano non adatto a gestire la realtà meridionale.
2018-06-17 20:42:53
Grazie Giggino che ci regali movide a gogo'.Ma chi se ne frega dei residenti che non possono dormire la nottte;possono riposare tanquillamente di giorno!!!!

QUICKMAP