Napoli, via murales e altarini della camorra: primo step in periferia e al parco Troisi

Mercoledì 10 Marzo 2021 di Valentino Di Giacomo
Napoli, via murales e altarini della camorra: primo step in periferia e al parco Troisi

Una battaglia che sarà pure simbolica, ma che lo Stato – tutto unito – ha deciso di combattere concretamente. Stamattina, su input del prefetto Marco Valentini, è iniziata la grande operazione di rimozione di murales e altarini dedicati a personaggi della malavita e della criminalità organizzata. I primi due colpi le forze dell’ordine li hanno assestati a San Giovanni a Teduccio dove, nel parco Troisi, è stato rimosso l’altarino dedicato al 24enne Ciro Varrello (ucciso nel 2013 per ragioni di natura passionale) e quello di Benvenuto Gallo, anche lui 24enne ucciso in un agguato e ritenuto elemento organico ai clan di San Pietro a Patierno dove sorgeva il suo altarino. Le operazioni di rimozione proseguiranno la prossima settimana anche in altri quartieri di Napoli. 

LEGGI ANCHE Ugo Russo, il volto del rapinatore sui muri di Roma 

Lo Stato non si è piegato alle minacce dal momento che soprattutto sull’altarino di Benvenuto Gallo erano scattate ritorsioni ed era stato sfregiato con una scritta il murale di Jorit a San Pietro a Patierno con la scritta “I morti si rispettano, non si cancellano”. Un quartiere, quello di San Pietro a Patierno, completamente coperto da scritte dedicate al 24enne ucciso con decine di scritte su muri e palazzi “Benny vive”. Ad intervenire è stato il commissariato di polizia di Secondigliano che nelle ultime settimane è stato assai vigile sulla vicenda delle scritte, dei murales e degli altarini.  

Da mesi Il Mattino ha avviato una sua campagna contro i simboli della criminalità, una battaglia che ha trovato sponde ai massimi vertici istituzionali a cominciare dal prefetto Valentini, ma anche con l’attivismo del questore Alessandro Giuliano, del comandante provinciale dell’Arma Canio Giuseppe La Gala e del comandante della polizia muncipale Ciro Esposito. Un deciso intervento è stato avviato anche dalla Procura di Napoli, con il procuratore generale Luigi Riello che da settimane è impegnato in questa guerra di simboli. 

Video

Lo scorso 4 marzo si era tenuto in prefettura un comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica dell’area metropolitana sulla vicenda altarini e poi definito un programma a livello operativo in un successivo tavolo tecnico di coordinamento tenuto in Questura. Il programma di interventi infatti proseguirà nei prossimi giorni e nelle prossime settimane, «con la finalità – spiegano dalla prefettura -  di ripristinare il rispetto della legalità con la progressiva rimozione di manufatti o altri simboli che insistono abusivamente sulla pubblica via, ferma restando l’eventuale sussistenza di specifici reati». La battaglia per la legalità è solo all’inizio e proseguirà nei prossimi giorni.

Ultimo aggiornamento: 15:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA