Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Movida Napoli, il Tar respinge il ricorso: l'ordinanza rimane

Mercoledì 23 Marzo 2022
Movida Napoli, il Tar respinge il ricorso: l'ordinanza rimane

Resta in vigore l'ordinanza del sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, per regolamentare la movida cittadina. La quinta sezione del Tar Campania ha respinto, anche nel merito dopo aver già respinto in precedenza la richiesta di sospensiva, il ricorso presentato dai commercianti contro il provvedimento in vigore dal 17 febbraio 2022.

I giudici amministrativi hanno ritenuto - si legge nella sentenza - che rispetto al bilanciamento fra gli interessi coinvolti, che «l'amministrazione, con l'adozione dell'ordinanza, ha realizzato un ragionevole contemperamento degli interessi meramente economici degli imprenditori del settore con l'interesse pubblico a prevenire e limitare i registrati fenomeni di degrado urbano e di pericolo per la pubblica incolumità, non essendo revocabile in dubbio che un'illimitata o incontrollata proliferazione del fenomeno non possa che accrescere il rischio di diffusione della segnalata situazione di pericolo, con conseguenze pregiudizievoli sia sulla vita personale e familiare dei residenti, sia sull'igiene urbana e sul controllo del territorio contro atti di microcriminalità».

Video

Entrando nello specifico delle misure contenute nell'ordinanza, i giudici affermano che la limitazione oraria «appare rispondere al canone di proporzionalità poiché, in potenza, idonea a conseguire l'obiettivo prefissato: mediante la riduzione degli orari di apertura degli esercizi commerciali è ridotta l'offerta di alimenti e bevande alcoliche con conseguente minore attrattività per gli abituali frequentatori delle aree urbane interessate» e «solo potenzialmente il provvedimento è idoneo a determinare una flessione dei ricavi e che non preclude agli esercenti di realizzare una diversa organizzazione dell'attività d'impresa per fronteggiare la paventata congiuntura negativa».

I giudici, nel sottolineare che l'ordinanza è in vigore per soli quattro mesi, ritengono l'ordinanza sindacale «sufficientemente motivata e non manifestamente illogica o ingiustificata in riferimento alla necessità di fronteggiare una situazione di forte degrado che è diventata una seria fonte di pericolo per l'incolumità pubblica, la sicurezza urbana, il decoro, l'igiene e la normale convivenza dei cittadini, con la conseguenza che tale situazione non si può ritenere priva del requisito dell'emergenzialità che, secondo giurisprudenza costante, giustifica il ricorso al potere sindacale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA