Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Posillipo, rissa in spiaggia: colpisce persona con un casco e poi tenta di annegarlo

Lunedì 16 Maggio 2022
Posillipo, rissa in spiaggia: colpisce persona con un casco e poi tenta di annegarlo

Una rissa a colpi di casco sulla spiaggia delle Monache a Posillipo. Un bruto tenta di annegare una seconda persona tra il tifo di alcuni presenti. La denuncia arriva in un video al consigliere regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli. La vicenda sarebbe accaduta sempre domenica proprio lo stesso giorno in cui a Marechiaro sempre a Posillipo una lite scoppiata sugli scogli è finita nel sangue e due ragazzi sono stati accoltellati.

Una delle due vittime è stata trasportata all’ospedale Fatebenefratelli dove è stata operata d’urgenza. L’altro giovane è stato invece portato all’ospedale San Paolo di Fuorigrotta. Come raccolto dalle testimonianze dei presenti, i due giovani sarebbero conoscenti. La lite sarebbe nata per uno “sguardo di troppo”.

«Mi trovavo a pranzo da Cicciotto a Marechiaro e all'improvviso verso le ore 16:30 un caos, sono stati accoltellati 2 ragazzi che sono stati portati d'urgenza in ospedale uno operato urgentemente. Dopo un’oretta è giunta sul posto la polizia di Stato ma degli altri 2 ragazzi nessuna traccia, dicono che sono scappati via mare», racconta uno dei testimoni che si è rivolto al Consigliere Borrelli.

«Dopo l'accoltellamento a Marechiaro adesso arrivano le immagini della rissa a colpi di caschi sulla spiaggia libera delle Monache sempre a Posillipo, Immagini brutali con due soggetti che se le danno di santa ragione davanti a tutti compresi i bambini rischiando anche di annegare. Una violenza inaudita con un sottofondo inquietante di persone che incitano uno dei due a colpire sempre più forte tra le urla dei presenti e il terrore soprattutto dei più piccoli. Per loro è uno spettacolo normale e forse anche divertente per noi è tutto inaccettabile. Viviamo tra cavernicoli che ti picchiano o aggrediscono per futili motivi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche