Jorit, aspettando Pino Daniele un murale per Nino D'Angelo

Lunedì 14 Settembre 2020 di Davide Cerbone

Due occhi vispi e un sorriso scugnizzo per ricordare a San Pietro a Patierno che anche partendo da qui si può vincere. Tra qualche giorno, spunterà il volto di Nino D'Angelo a vegliare sulla gente del quartiere operaio ai margini della città. Una delle tante periferie dove la miseria morde e la vita non fa sconti. Jorit Agoch, il giovane maestro dell'arte urbana dal sangue misto, comincerà a dipingerlo da oggi su una facciata di piazza Guarino, nel bel mezzo di San Pietro, a 500 metri da quel vicolo del Pizzo Casale dove 63 anni fa nacque il cantautore. Un omaggio ad un'icona del popolo che non ha mai rinnegato la propria provenienza. Al contrario, D'Angelo non perde occasione per rivendicare le proprie origini e, ancor più, un'appartenenza che va ben oltre l'anagrafe: «Sono uno di loro che ce l'ha fatta», ha spiegato, stringendo in un pugno di parole una storia di dolore, orgoglio e riscatto.

LEGGI ANCHE Jorit, ecco il murales più grande di sempre: il volto di Rosa Parks nell'officina Eav di Quarto

Così, dopo il San Gennaro donato a Forcella, il Maradona e il Che Guevara che giganteggiano a San Giovanni a Teduccio, l'Enzo Avitabile a Ponticelli, la Rosa Parks di Quarto, la Sibilla Cumana di Bacoli, l'Angela Davis e il Pasolini di Scampia e in attesa del Pino Daniele che doveva arrivare alla stazione e attende una nuova destinazione, Jorit dedica un tributo al menestrello degli amori poveri che ha spianato la strada a legioni di neomelodici, confermando ancora una volta la scelta, insieme artistica e politica, dei protagonisti delle sue opere e dei luoghi che le ospitano.

E forse non è un caso che sia proprio una palazzina popolare la tela di cemento sulla quale l'artista rappresenterà D'Angelo, con quei segni rossi sulle gote che sono la sua firma. Uno spazio che il pittore en plein air ha cominciato ad occupare con una frase presa in prestito da «Jammo ja»: «A campa'cu a pacienza è o cchiù grande equilibrio pe chi po' cade'».

«Non ci posso credere, ho le lacrime agli occhi», commenta su Facebook il cantante, 63 anni. «Il grande artista Jorit, che ha disegnato i volti di tanti eroi del nostro tempo in tutto il mondo, farà un murale dedicato a me proprio a San Pietro, quartiere dove sono nato. Questo soprattutto grazie ai miei concittadini che, ancora una volta, mi hanno voluto dimostrare il loro affetto», continua l'ex ragazzo della curva B: «Sono stato sempre fiero di rappresentare questa gente che ha fatto dei propri sentimenti la sua grande ricchezza. Qui ho imparato che la fratellanza non è solo una parola, ma capire il bisogno di chi attorno a te vive male, e ho abbracciato la comunità, quella vera, che mi ha insegnato l'importanza del vivere insieme, nel bene e nel male. L'adattarsi, il sapere di essere migliore e accettare di non arrivare mai primo e che noi non saremo mai NOI, ma solo quello che gli altri vogliono che siamo». Poi, una promessa: «Il tempo che mi rimane mi piacerebbe spenderlo per costruire un esercito di intelligenze affinché anche gli ignoranti capiscano che la cultura è come l'aria: un diritto di tutti». In nome di questa corrispondenza, a suggellare il legame tra il patrono laico del quartiere degli «scarpari» e la sua gente, prenderà forma il volto di Nino, presenza immanente in questo sobborgo che langue nell'abbandono, tra Capodichino e Casoria.
 

Ultimo aggiornamento: 11:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA