L'alfabeto dei bulli spiegato ai ragazzi

L'alfabeto dei bulli spiegato ai ragazzi
Lunedì 28 Febbraio 2022, 11:58 - Ultimo agg. 13:53
4 Minuti di Lettura

Quanto è difficile parlare di bullismo senza retorica, far raccontare ai ragazzi esperienze e paure, convincerli a cambiare atteggiamento. Vuol dire leggere la realtà da un’altra prospettiva. Di crescita, di gruppo. Per riuscirci, i sociologi Sergio Mantile e Valeria Smitti (operatori dell’associazione Social skills e componenti dell’Associazione nazionale sociologi) citano personaggi famosi e cartoni animati, propongono sketch in classe, usano la musica e gli smartphone. Il loro codice speciale, proposto in 5 scuole campane nel progetto «Ciao tour», è illustrato sotto forma di alfabeto.

A come approccio. Non teorico. Esercizi socio-drammatici aiutano gli alunni divisi in gruppi a "scacciare" i bulli

B come Barbanera.  Il pirata trasformato in icona per svelare le tecniche del terrore: look, violenza verbale e intorno gregari

C come confessione. Mai a inizio lezione. Per raccontare un episodio di bullismo subito o inflitto serve un clima di accettazione e di condivisione solidale

D come docenti e dirigenti. Collaborazione fondamentale per far emergere le problematiche della classe o di un singolo alunno, e seguirne gli sviluppi

E come emozione. Colonne sonore aumentano l'attenzione e stimolano la comprensione dei fatti

F sta per finzione. Sdrammatizzare i racconti, mostrarne l’aspetto ridicolo. Nel teatro in classe, la vittima manda al diavolo i bulli

G come gruppo o guerra. La piramide: sotto un capo temibile, i gregari. Una tipica organizzazione militare

H come acca aspirata da una ragazza di origine africana: la pronuncia strampalata delle parole in italiano diventa simpatica e non motivo di sfottò

I come interconnessione. Il linguaggio di cellulari e pc, familiare ai ragazzi, sfruttato per collegare cose apparentemente diverse

L come leader. Nel gruppo dei pari, è chi riesce a recepire i bisogni e le aspettative di tutti e a trovare una mediazione

M come maschilismo. Prevalente, ma il bullismo oggi si manifesta anche tra femmine

N vuol dire nascosto. Luoghi appartati, come i bagni della scuola o della palestra, strade e giardinetti lontano per sembrare invincibili dagli sguardi degli adulti

O indica l'organizzazione sociale che "salva". Una delle tecniche di dominio del bullo è quella di indurre isolamento e solitudine nella vittima

P come pretesto. Ricercare debolezza per imporsi, dal colore della pelle alla disabiltà

Q qualità positive e negative. Il bullo coglie un aspetto solo della vittima, reale o immaginario, e lo trasforma in marchio. Stimolare i ragazzi a riconoscere anche altri aspetti dei compagni di classe e dei propri docenti favorisce l’accettazione non più riducibile a un ruolo

R come razzismo. Meno frequente in realtà miste come Castel Volturno

S come scuole. Differenti l'una dall'altra per tecnologie e stile. Covinvolte la "Belvedere" del Vomero, l'istituto "Nicolini-Di Giacomo" e il "Michelangelo-Augusto", l'istituto "28 Giovanni XXIII-Aliotta" di Chiaiano e il "Garibaldi" di Castel Volturno. Ovunque fare squadra fa la differenza

T è il trauma patito: raccontato da una bambina, chiudendo gli occhi senza volere più riaprirli, per altri ragazzi ricorrenti nel sonno

U come unione contro il bullismo. Uno dei migliori antidoti V come violenza: fisica, verbale, simbolica. Non si può ignorare che l’intera società si esprime continuamente in questi termini, dai film ai videogiochi

Z come Zorro. L’esatto contrario del bullo. Solo contro molti, anziché molti contro uno. Non afferma la sua viltà sui deboli, ma il suo coraggio contro i prepotenti

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA