Stato di emergenza, Green pass verso la proroga fino all'estate 2022: cosa cambia per smart working e viaggi

La decisione del Governo entro fine novembre

Martedì 2 Novembre 2021 di Francesco Malfetano
Stato di emergenza, Green pass verso la proroga fino all'estate 2022: cosa cambia per smart working e viaggi

Mancano meno di due mesi al 31 dicembre, ma sul tavolo del governo la questione più importante è già la scadenza degli strumenti messi in campo fino ad oggi per la gestione della pandemia. Stato di emergenza e Green pass infatti, hanno bisogno di una nuova proroga. L'intenzione del governo è definirla al più tardi entro fine novembre. Come? Le ipotesi sul tavolo sono diverse. Per quanto riguarda il Green passcome anticipato dal Messaggero la scorsa settimana, si ragiona sulla possibilità di estenderlo per un numero di mesi ancora maggiore, fino all'inizio della prossima estate.

Stato di emergenza e Green pass, lo scenario

 

L'idea dell'esecutivo è che in questo modo si possa dare nuovo impulso alla campagna vaccinale (sia quella ordinaria che quella per la terza dose), spingendo verso l'immunizzazione anche i no-vax più difficili da convincere, quelli che oggi puntano a "vivacchiare" fino a dicembre, destreggiandosi tra certificati di malattia e tamponi.

Stato d'emergenza verso la proroga fino a marzo 2022

STATO D'EMERGENZA
Per lo stato di emergenza invece la situazione è differente. Secondo la legge che lo regola (decreto n.1 del 2018), questo non può essere rinnovato per più di 24 mesi. Vale a dire che, essendo stato prorogato per la prima volta il 31 gennaio 2020, con gli strumenti attuali lo si potrebbe al massimo prorogare fino al prossimo 31 gennaio 2022. Tuttavia, come già accaduto per i terremoti o altre catastrofi che hanno colpito la Penisola, lo status potrebbe finire incardinato in un emendamento a una legge ordinaria oppure in un provvedimento ad hoc e rinnovato per qualche altro mese. L'ipotesi più accreditata, rispettando il ritmo di rinnovi di 3 o 6 mesi attuato fino ad oggi, parla di marzo 2022. Ma non è escluso che si possa andare oltre. «A toglierlo se i numeri lo consentono ci si mette poco» è il ragionamento, rinnovarlo invece ha un costo in termini di tensioni sociali e politiche. 

«Terza dose per tutti». Rasi: «Subito ai 50enni. Obbligo per i prof»

 

SMART WORKING E VIAGGI
D'altronde abbandonare lo strumento emergenziale ora, specie in un momento in cui i numeri iniziano a far vedere un prima risalita, appare un azzardo. Non solo perché verrebbe meno la possibilità di far gestire al governo centrale diverse delle mansioni attribuite normalmente alle Regioni, o per mantenere attivi i ruoli del Commissario per l'Emergenza o del Comitato tecnico scientifico. Ma anche per quanto riguarda lo smart working. Nonostante il ministro della Pubblica amministrazione Renato Brunetta sia determinatissimo a riportare tutti i dipendenti della pa in presenza (a lavorare da casa può essere al massimo il 15%), se la fase di recrudescenza pandemica dovesse intensificarsi non è affatto detto che le cose debbano restare in questo modo. E lo stesso vale per le imprese private. Gli accordi relativi allo smart working vanno tarati sulla base dell'andamento pandemico e questo può avvenire solo con lo stato d'emergenza in essere. 


Non solo. Se venisse meno lo Stato di emergenza cambierebbero anche le regole per i viaggi all’estero e dall’estero. Con lo status in essere il governo può infatti prendere provvedimenti in grado di restringere l’ingresso nel Paese da parte di cittadini di altri Stati ma anche di limitare il turismo dall’Italia verso paesi esteri considerati a rischio pandemico. In pratica il rinnovo servirebbe a tenere ancora le preziose liste A, B, C della Farnesina e del ministero della Salute, che impostano provvedimenti differenziati a seconda del rischio pandemico dei Paesi d'arrivo o di destinazione. 

 

Ultimo aggiornamento: 3 Novembre, 08:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA