Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bambino di un anno ingoia la batteria di un orsacchiotto e muore. I medici: «Aveva un buco nel cuore»

I genitori hanno lanciato una campagna per proibire le batterie a bottone nei giochi per bambini

Giovedì 10 Febbraio 2022
Bambino di un anno ingoia la batteria di un orsacchiotto e muore. I medici "aveva un buco nel cuore"

Non c'è stato nulla da fare per Hugh McMahon, il bambino inglese di un anno che è morto dopo aver ingerito una batteria a bottone di litio mentre giocava con un orsacchiotto.

L'incidente è avvenuto alla fine del mese di dicembre 2021, mentre il piccolo giocava con un orsacchiotto della VTech Swing & Sing. Appena i genitori hanno visto che stava poco bene, lo hanno portato di corsa all'ospedale. Lì i medici che hanno notato che il suo sangue era diventato acido e non si coagulava, poi la scoperta: aveva un buco nel cuore, una ferita da ustione. A causarla sono state le sostanze chimiche contenute all'interno della batteria a litio, che reagiscono con i liquidi corporei (saliva e succhi gastrici).

Il 26 dicembre i genitori Christine McDonald, 32 anni, e Hugh McMahon, 29 anni, hanno scelto di spegnere il respiratore che lo teneva in vita - ma ormai ridotto a vegetale - e il piccolo è morto tra le loro braccia. Lo hanno seppellito nel cimitero di Eastfield a Cumbernauld. 

Vaccino, l'Aifa: «Non ci sarà la quarta dose, si andrà verso un richiamo annuale». L'idea del Covid come influenza

I genitori hanno lanciato una campagna contro le batterie a litio 

Dopo la morte del bambino, i due genitori hanno avviato una campagna per proibire l'utilizzo di batterie a bottone all'interno dei giochi per bambini: «Nessuno ci aveva mai messo in guardia contro queste batterie a bottoni. Non sapevo neanche cosa fossero, ma sono ovunque. Ero più preoccupata di una caduta o che sbattesse la testa» ha detto Christine alla stampa inglese. «sono ovunque. Nei giochi per i bambini, nei biglietti di auguri, nelle scarpe con le luci, nei termometri, nelle penne» aggiunge il marito Hugh «hanno rovinato la nostra vita, vogliamo essere sicuri che nessun altro passi ciò che abbiamo subito noi»

Le batterie producono soda caustica e sono altamente nocive

Le batterie a bottone, note anche come batterie a bottone al litio, sono disponibili in varie dimensioni, la maggior parte sono abbastanza piccole da poter essere ingerite dai bambini o rimanere incastrate nelle vie respiratorie. Oltre al soffocamento, il rischio di questi oggetti è dovuto al fatto che quando la batteria viene a contatto con un liquido - come la saliva e i liquidi nel corpo - possono generare corrente e produrre soda caustica, una sostanza altamente corrosiva e nociva per gli organi interni. 

Omicron, il bambino ha avuto il Covid quando devo vaccinarlo? Che succede se ha già fatto una dose?: le risposte dei pediatri

Ali ha visto morire Rayan ma in Marocco è un eroe: «Ho scavato a mani nude»

Cosa fare se un bambino ingoia una batteria 

Se un bambino ingerisce per errore una batteria a bottone la prima cosa è portarlo in pronto soccorso immediatamente. Tra i sintomi comuni ci sono: vomitare sangue fresco di colore rosso vivo, tosse, salivazione abbondante, mal di stomaco e malessere, dolore alla gola, al torace o allo stomaco, stanchezza, perdita dell'appetito. In caso di soffocamento vanno eseguite le manovre salvavita pediatriche di disostruzione.

 

Ultimo aggiornamento: 14:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA