Benno Neumair, pm chiede l'ergastolo: uccise i genitori e gettò i cadaveri nel fiume Adige

L'accusa ha chiesto che non vengano riconosciute eventuali attenuanti

Benno Neumair, pm chiede l'ergastolo: uccise i genitori e gettò i cadaveri nel fiume Adige
Benno Neumair, pm chiede l'ergastolo: uccise i genitori e gettò i cadaveri nel fiume Adige
Giovedì 17 Novembre 2022, 16:25 - Ultimo agg. 18 Novembre, 15:22
4 Minuti di Lettura

Uccise i genitori, occultandone poi i cadaveri gettandoli nel fiume Adige. Oggi l'accusa ha chiesto l'ergastolo per Benno Neumair, il bolzanino, di 31 anni che ha confessato il duplice omicidio dei suoi genitori Laura e Peter. La richiesta è stata formulata dai sostituti procuratori Igor Secco e Federica Iovene durante la requisitoria davanti alla Corte d'assise di Bolzano. L'accusa ha chiesto che non vengano riconosciute eventuali attenuanti perché la confessione sarebbe superflua perché fatto dopo il ritrovamento della salma della madre. L'imputato non è presente in aula.

La vicenda di Benno Neumair

Il duplice delitto avvenne il 4 gennaio 2021, nella bella casa di via Castel Roncolo dove Benno Neumair viveva con i suoi genitori. Secondo la confessione fornita dallo stesso imputato, fu proprio una discussione con il padre Peter, che gli avrebbe rimproverato di non contribuire adeguatamente alle spese per l'affitto, a degenerare in un litigio poi sfociato nel primo dei due omicidi. «Mi diceva che non valgo niente e mi incalzava. Non so cosa ho pensato, io volevo solo stare in pace, volevo solo il silenzio e così ho preso un cordino da arrampicata che avevo in camera mia», dichiarò poi Benno agli inquirenti, spiegando di aver strangolato con quel cordino prima il padre Peter, nel corridoio di casa, e poi anche sua madre Laura Perselli, sorprendendola da dietro il portone appena lei rincasò circa 40 minuti più tardi. Benno caricò poi i due cadaveri in auto, li trasportò fino al ponte di Vadena e li gettò nel fiume Adige.

Nei giorni successivi Benno denunciò la scomparsa dei genitori, non solo fingendo di ignorare dove fossero ma anche mettendo in atto una lunga serie di depistaggi poi scoperti dagli inquirenti. Benno venne indagato il 19 gennaio ed arrestato dieci giorni più tardi. I cadaveri di Laura Perselli e Peter Neumair furono restituiti dal fiume, rispettivamente, il 6 febbraio nei pressi di Ora ed il 27 aprile a Trento. Benno crollò proprio in seguito al ritrovamento del cadavere di sua madre (l'autopsia rivelò lo strangolamento come causa di morte) ed anche perché fu messo alle strette dagli inquirenti che avevano nel frattempo raccolto numerose prove contro di lui.

Benno Neumair, gli audio della mamma: «In lui c'è una bestia che lo fa impazzire»

 

Il trentunenne confessò il duplice delitto l'11 febbraio. La Procura decise però di non rivelare pubblicamente la confessione (fu tenuta nascosta anche ai familiari delle vittime) per quasi un mese, cioè fino all'8 marzo quando diramò un comunicato stampa. Un anno più tardi, il 4 marzo 2022, si è tenuta la prima udienza del processo in Corte d'assise che vede Benno Neumair, reo confesso, quale unico imputato per il reato di duplice omicidio aggravato e occultamento di cadaveri: rischia la condanna all'ergastolo, a meno che non gli venga concessa una riduzione di pena in virtù della seminfermità mentale. Secondo i tre periti che erano stati incaricati dal giudice per le indagini preliminari, Benno avrebbe avuto una ridotta capacità di volere nel primo omicidio, in quanto il litigio con il padre avrebbe fatto da «detonatore» rispetto ad un suo grave disturbo di personalità di tipo narcisistico ed antisociale. Nel secondo omicidio, quello della madre, Benno sarebbe stato invece capace di intendere e di volere. La Procura contesta infatti, per il secondo omicidio, anche la premeditazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA