Cerciello, nuovi video poco prima del delitto

Cerciello, nuovi video poco prima del delitto
ARTICOLI CORRELATI
di Valentina Errante Giuseppe Scarpa

2
  • 238
Altre immagini di Finnegan Lee Elder e Gabriel Christian Natale Hjorth prima dell’omicidio. “Frame” in mano ai carabinieri del nucleo operativo di via In Selci, che indagano sulla morte del collega Mario Cerciello Rega. Le immagini, registrate dalle telecamere tra via Belli, dove alloggiavano i due ragazzi americani accusati di avere ucciso il vicebrigadiere, e via Federico Cesi non riprendono il momento dell’accoltellamento, ma sono utili per ricostruire gli istanti precedenti l’incontro tra i due indagati e i carabinieri Andrea Varriale e Cerciello Rega.

​Carabiniere ucciso, Cerciello tradito da una telefonata fatta in viva voce

​Carabiniere ucciso, trovate tracce di sangue nella stanza d'albergo dei due americani
 




I 24 MINUTI
Le telecamere degli esercizi commerciali, che si trovano nel piccolo triangolo dove si è consumato il delitto, raccontano un altro pezzo della notte tra il 25 e il 26 luglio, quando i due indagati lasciano l’hotel Le Meridien, convinti di incontrare Sergio Brugiatelli per restituirgli lo zaino e ottenere in cambio 80 euro e un grammo di cocaina. Escono alle 2,48, Finnegan nasconde il coltello nella tasca della felpa. Nell’ordinanza di custodia cautelare, che ha portato in carcere i due turisti californiani, si fa riferimento ai video registrati dagli impianti dell’hotel, che fissano alle 2,48 l’uscita, e della gioielleria di via Cesi, davanti al quale Natale Hjorth e Lee Elder passano alle 3,12 per presentarsi sul luogo dell’appuntamento. L’altro frame del negozio di preziosi è delle 3,16: quattro minuti per la colluttazione e l’omicidio di Rega. Adesso i carabinieri hanno recuperato altri fotogrammi che coprono, ma solo in minima parte, i 24 minuti di buco, durante i quali i due giovani nascondono lo zaino nella fioriera di via Gioacchino Belli sul lato opposto della via, che percorreranno più di un quarto d’ora dopo per andare all’appuntamento. Forse sono i fotogrammi registrati dall’occhio elettronico piazzato all’ingresso della vineria di fronte all’hotel.

Era proprio a questi immagini che, nei giorni scorsi, avevano fatto riferimento gli avvocati dei due indagati, Francesco Petrelli e Fabio Alonzi per Natale Hjorth, ma soprattutto Roberto Capra, l’avvocato che, insieme a Renato Borzone, difende Finnegan Lee Elder. I legali del ventenne, che avrebbe accoltellato il vicebrigadiere, hanno presentato un’istanza in procura, chiedendo l’acquisizione di tutte le immagini registrate dalle videocamere di zona in quella notte. Sostengono che solo i video consentiranno di ricostruire quella serata, cominciata due ore prima a Trastevere.

E sono state proprio le telecamere, presenti tra piazza Mastai e vicolo della Luce, a confermare le diverse testimonianze e a raccontare la prima parte di quella notte, quando i ragazzi si rivolgono a Sergio Brugiatelli per comprare della cocaina. Si rendono immediatamente conto che l’amico di Brugiatelli, Italo Pompeo, li sta truffando, vendendogli tachipirina al posto della droga. Ed è proprio in quel frangente che arrivano quattro carabinieri fuori servizio, il maresciallo Pasquale Sansone, un suo parigrado e due giovanissimi militari. Natale lancia per terra l’involucro con la pasticca e fugge, raggiunge Elder Lee, che lo attende a piazza Mastai e insieme corrono, portando via lo zaino di Brugiatelli, lasciato a Finnegan mentre l’amico si addentrava nel vicolo con il “mediatore”. Poi la chiamate di Sansone sul cellulare di Varriale, le telefonate di Brugiatelli alla centrale, altre chiamate che il mediatore fa sul suo telefonino, rimasto nello zaino, per chiedere agli americani la restituzione della borsa e la richiesta di un “riscatto”.

LA FOTO
Intanto vanno avanti anche le altre indagini. Quelle che riguardano la foto di Natale Hjorth immortalato negli uffici del nucleo investigativo dei carabinieri di via In Selci, bendato e ammanettato. Perché se il nome del militare che ha abusato del suo ruolo nei confronti dell’indagato è già stato iscritto sul registro degli indagati, resta ancora sconosciuto l’autore dello scatto, per il quale si ipotizza la rivelazione del segreto istruttorio. Sono state decine i carabinieri ascoltati in relazione. La foto è delle ore che hanno preceduto il fermo. I militari dell’Arma sono stati ascolti in varie zone d’Italia.
Giovedì 8 Agosto 2019, 00:31 - Ultimo aggiornamento: 9 Agosto, 14:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2019-08-08 18:03:07
Più ai particolari inutili, mi soffermerei su 11 fendenti che non sono carezze
2019-08-08 17:47:29
video , teicamere e ovvio che la sola parola del carabiniere non basta di come e addata "verramente" la faccenda, quindi gli avvocati qualche dubbio se lo sono riservati.

QUICKMAP