Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

In centinaia per l'addio al bambino morto di Covid. Il parroco: «Sanità da umanizzare»

Venerdì 22 Luglio 2022 di Giovanni Del Giaccio
In centinaia per l'addio al bambino morto di Covid. Il parroco: «Sanità da umanizzare»

Centinaia di persone, palloncini bianchi e celesti, fuochi d'artificio, applausi e la musica di Irama per salutare il piccolo Nicolò, il bambino morto una settimana fa all'ospedale "Spaziani" di Frosinone dopo essere stato ricoverato per Covid. Un decesso sul quale sta svolgendo accertamenti la Procura che ha iscritto otto persone nel registro degli indagati.

«La sua morte deve dire  qualcosa alla sanità e alla  politica - ha chiarito  il parroco di Mole Bisleti, ad Alatri, don Luca -  e non è possibile vedere persone che hanno perso il senso dell'umanità, considerando i pazienti  spesso solo come numeri e non come persone. Questo deve farci riflettere, interrogare, tutti: non possiamo tornare a casa come prima, è successo qualcosa che non doveva accadere, è morto un bambino»

Nicolò è stato ricordato anche dal papà, da un altro parente e da una compagna di scuola. 

 

Ultimo aggiornamento: 20:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA