Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Migranti, rivolta al Cpr di Gradisca. Arrestati 3 tunisini: «Incendi per tentare la fuga», ferito carabiniere

Sabato 15 Agosto 2020
Migranti, rivolta al Cpr di Gradisca. Arrestati 3 tunisini: «Incendi per tentare la fuga», ferito carabiniere

Migranti, rivolta al Cpr di Gradisca (Gorizia): sono tre i cittadini tunisini trattenuti nel Cpr di Gradisca d'Isonzo, arrestati dalla polizia dopo i disordini verificatisi ieri sera all'interno della struttura. Dovranno rispondere di lesioni personali, resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento aggravato e danneggiamento a seguito di incendio.


Dj morta, gli investigatori: «Non ha camminato a lungo nel bosco». Spunta ipotesi aggressione cani

Gioele, cani molecolari, droni e geologi: tutti a caccia del bimbo svanito nel nulla




 

Tentativo di fuga


Secondo una ricostruzione, ieri sera all'interno del Centro di permanenza per il rimpatrio c'è stato un tentativo di fuga da parte di un gruppo di ospiti e sono stati appiccati incendi a materassi e altri oggetti. Sul posto sono intervenute le forze dell'ordine, con i vigili del fuoco, per sedare i disordini e mettere in sicurezza gli ospiti dalle fiamme.
 

Carabiniere ferito


Un carabiniere, durante un momento di tensione, è stato raggiunto da un pezzo di plexiglass andato in frantumi ed è rimasto ferito al capo. Portato in ospedale è stato giudicato guaribile in alcuni giorni. Non risulterebbero feriti tra i migranti.

All'interno del Cpr al momento si trovano circa 75 persone. I tre cittadini tunisini arrestati sono stati portati nel carcere di Gorizia. 

Ultimo aggiornamento: 16 Agosto, 15:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA